ALLA RASSEGNA DI S. MARGHERITA GIRARDI NON SI OFFENDE

STASERA LA “COMPAGNIA POLO DELLE ARTI” IN “DRACULA FELICE E CONTENTO”

Se ridete non mi offendo” è lo spettacolo scritto da Ivano Montano con il quale Ciro Girardi ha dato, con il suo garbo e la sua verve, l’ennesima pennellata comica a questa Rassegna che sta dando tante soddisfazioni a Lello Casella e Sabrina Tortorella, organizzatori della Kermesse. Lo spettacolo è una cavalcata di comicità, un percorso a ritroso dall’infanzia a oggi. Ricordi di “paliate”, dalla scuola alla “Via”, ai pranzi di Zi “Ngiulina”. Il rapporto genitori figli dell’epoca: gli anni ’70. Girardi “scomoda” pure Trilussa e il suo “uccelletto”. Riscalda la voce, poi canta, accompagnato alla chitarra da Attilio Gargano. Coinvolge il pubblico, gira intorno a macchiette napoletane. Il repertorio è semplice ma efficace, il ritmo è incalzante, sfiora battibecchi con un pubblico che in prima fila vuole essere protagonista.  Propone nel finale uno di quei personaggi celebri la “Signora”, un suo pezzo da 90. Il pubblico applaude e si diverte. Girardi riceve il Premio S. Margherita Arte e Teatro per la trasmissione “VAR” in onda su Lira Tv. Don Carmine De Angelis ordinato sacerdote nella Cattedrale di Salerno, in data 28 giugno u. s. insieme ad altri suoi due fratelli, consegna il premio.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Stasera penultimo appuntamento in cartellone la “Compagnia Polo delle Arti” presenta “Dracula Felice e Contento” tratto da Dracula morto e contento (Dracula: Dead and Loving It) è un film commedia horror del 1995, diretto da Mel Brooks. È una parodia del romanzo Dracula di Bram Stoker (con varie differenze: per esempio nel film chi va in Transilvania è Renfield, mentre nel libro è Jonathan Harker), ma l’avventura è sempre incentrata sul combattimento contro Dracula, il “Re dei Vampiri“. Numerosi i riferimenti anche alle pellicole ispirate al romanzo, dal classico Dracula di Tod Browning del 1931 al Dracula di Bram Stoker di Francis Ford Coppola.

COMPAGNIA POLO DELLE ARTI
COMPAGNIA POLO DELLE ARTI

Il film è l’ultimo di cui Mel Brooks ha firmato la regia.

Valeria Alfano è la coreografa della Compagnia Polo delle Arti a cui rivolgiamo alcune domande.

Quando e come nasce l’Associazione Polo delle Arti?

Nasce 8 anni fa dalla mia volontà di creare una diversa realtà artistica sul territorio.

La compagnia tiene corsi di Dancing Theater (comprensivi di danza classica modern hip hop e laboratori teatrali) per allievi e allieve dai 3 anni in su.

Diversi gli spettacoli messi in scena negli anni scorsi con un entusiasmante riscontro del pubblico.

Ricordiamo Frankenstein Junior, Sister Act e Ratatouille assieme a quest’ ultimo Dracula Felice e Contento.

Il focus principale del Polo delle Arti è quello di lavorare sulle potenzialità di ogni singolo allievo e portare fuori la passione e la grinta del fare di ognuno alla massima espressione.

A tale scopo ha preparato una location invidiabile sul territorio, per altro cardio protetta, per i propri corsi nelle sua nuova sede in via Grisignano 4, zona Torrione Salerno.

Parlaci di questo lavoro “Dracula Felice e Contento”.

E’ tratto dal film “Dracula Morto Contento” di Mel Brooks. Con la coreografa Cristina Ciafrone abbiamo deciso di non farlo morire per non rattristare la platea visto che è un Dracula amabile. E’ preso di mira dalla sua ultima vittima Lucy che vuole farlo diventare a tutti i costi vegetariano.

Come lo definiresti? Un musical?

No, Dancing Theater perchè associa danza e recitazione.

In ultimo ci vuoi ricordare quante persone sono impegnate nello spettacolo?

Siamo in tantissimi, ti faccio un elenco completo?

Si fallo

Eccolo

Interpreti
Dracula Michele Cicchetti
Dr.ssa Seward Eva Autori
Lucy Cristina Ciafrone
Mina: Valeria Alfano
Dr.ssa Van Helsing Rossella Chiarello
Renfield Alessia Mari
Governante Miriam Dell’Isola
Pescatore Francesca Aliberti

Pipistrelli e Governanti:
Francesca De Sio
Samira Rispoli
Martina D’Avascio
Sofia Criscuolo

Transilvane,Vampire e Dame Inglesi
Giulia Chiarello
Lara Natale
Giulia Natale
Ludovica Criscuolo
Sara Amabile
Federica Verrone
Michela Crisconio
Alessandra Apicella
Alessandra Cirino

Vogliamo ricordare l’appuntamento?

Vi aspettiamo questa sera alle ore 21 presso l’Arena Teatro S. Margherita nel Quartiere Pastena di Salerno.

ASPETTANDO I BARBUTI TRE SERATE A SANTA APOLLONIA

Tre serate da non perdere. Torna, da domani venerdì 19 a domenica 21 luglio, la terza edizione della rassegna “Aspettando i Barbuti”. Palcoscenico d’eccezione, sempre alle ore ventuno, la Chiesa di Sant’Apolonnia nel cuore della città vecchia di Salerno. Si tratta, secondo il credo del regista Antonello De Rosa e della truppa di Scena Teatro Laboratorio, di un vero e proprio omaggio alla parola. Al teatro della parola, potenza scenica senza eguali.

S’alza il sipario grazie alla recitazione di venti ragazzi ed attraverso lo spettacolo “Esercizi di Stile”, una sempre metodica e tenace rielaborazione dell’artista salernitano del testo di R. Queneau. A far palpitare il pubblico presente i protagonisti Simona Avallone, Camilla La Corte, Marianna Avallone, Simona Mennonna, Giuliano Pedrizzi, Emilia Battipaglia, Davide Pellegrino, Rita Casale, Sara Scalea, Maria Russo, Valentina Merlo, Ludovica Bosco, Giusi Pappalardo, Nicholas Schettini, Giuseppe Catalano, Carla Lordi, Michele Giorgio Gaggia, Emanuele De Cristofaro, Manuel Chianese, Francesco Pisapia, Pasquale Ventura, Massimo Ernesto Gugliucci, Francesca Milone e Carolina Martina. “Una recitazione della stessa cosa, ma in modalità differenti”, a sottolinearlo è lo stesso De Rosa.

Nelle ultime due serate, di un intenso fine settimana, spazio agli omaggi a Viviani ed Eduardo: rispettivamente con “Giorno e Notte” (in scena Teresa Massaro, Maria Mazziotti, Giovanni De Santis, Giusy Lamberti, Angela Avallone, Samanta Leone, Franca Guarino, Rosalba Ronca, Anna Renzi, Sabrina Fiore, Gennaro Rosa, Carlo Simeoni, Rosanna De Bonis, Michele Odierna, Rosa Muto, Raffaella Civitillo, Anna Casabuti, Sabino Cassese e Giovanna Cassese) e “Pari e Dispari” (protagonisti Chiara Morandin, Donatella Forte, Renato Rescigno, Mirella Costabile, Loredana Veneziano, Enza Barone, Grazia Savignano, Luisa Calascione, Andrea Sica, Sara Zito, Daniela Guercio, Brunella Peduto, Carmela Liguori, Antonella Mastrolia, Cristiano Candurro, Nina Stimolo, Angelo Dell’Orto, Francesco Cesareo, Rossana Cantarella, Sabino Cassese, Rosalba Ronca). “Ho voluto rendere un doveroso omaggio – commenta De Rosa – a questi due grandi autori, figli della nostra terra. Viviani spesso dimenticato e relegato ad una cosiddetta serie b. Eduardo, invece, acclamato e ricordato. In questi spettacoli si alterneranno momenti intensi di prosa, ma anche di tango, che prenderanno vita direttamente attraverso il testo”.

Si prevede il tutto esaurito in un tris in notturna dove Antonello De Rosa, ancora una volta, preferisce utilizzare testi non consueti, rompendo gli schemi e le righe del teatro. Così facendo, continua a stuzzicare la curiosità culturale del singolo spettatore. La rassegna si concluderà da venerdì 26 a domenica 28, presentato da Scena Teatro Stage, con “Nozze di sangue” di F.G. Lorca.