Archivi tag: arbostella

SALERNO: TUTTO PRONTO PER LA X EDIZIONE DELL’ “ARENA ARBOSTELLA” UNA SETTIMANA DI EVENTI SOTTO LE STELLE

Ai nastri di partenza la X edizione dell’Arena Arbostella, 7 giorni di teatro, musica, danza e cultura da vivere tutta d’un fiato nel piazzale antistante il Teatro Arbostella di Salerno. La rassegna, ideata dieci anni fa dal direttore artistico della struttura di Viale Verdi Gino Esposito, sarà come sempre ad ingresso gratuito e patrocinata dal Comune di Salerno che puntualmente sostiene uno degli appuntamenti più attesi dell’estate in città come ribadito dall’assessore Angelo Caramanno  presente alla conferenza stampa che ha sottolineato inoltre la crescita dell’evento negli anni. 

Il programma
Il programma

 

Inizio lunedì 26 agosto e chiusura domenica 1 settembre. Ricco, variegato e di qualità come sempre il programma. Si comincia come detto lunedì 26 agosto alle ore 21,15 con la “Compagnia Comica Salernitana” che metterà in scena un esilarante testo dal titolo “O’ figlio e patemo” scritto e interpretato dagli attori comici dell’Arbostella, Giovanni Bonelli ed Andrea Avallone (freschi di premio come miglior attori ricevuto in Calabria) accompagnati nella divertente farsa da altri validi interpreti. Martedì 27 agosto ancora teatro: questa volta è il turno di un classico per eccellenza di Eduardo De Filippo, ovvero “Non Ti Pago”, messo in scena dalla compagnia sperimentale del laboratorio Arbostella curata da Gino Esposito.

 

Mercoledì 28 agosto, annuale appuntamento della Parrocchia Gesù Risorto all’interno del cartellone dell’Arena. “Il Coraggio di Essere Uomini” è il tema scelto dalla parrocchia guidata da Don Giuseppe Landi. Sarà possibile interloquire con S.E. Mons.Andrea Bellandi da poco nominato da Papa Francesco quale Arcivescovo Metropolita di Salerno.

Don Giuseppe Landi saluterà i presenti, mentre il dibattito sarà moderato da Agnese Ambrosio.

La serata sarà allietata dallo storico gruppo “I Musicastoria” che accompagneranno i presenti in un excursus di canti popolari della tradizione locale e meridionale. Inoltre sarà possibile gustare i dolci preparati dalla parrocchia stessa, proposti in raccolta di beneficenza.

 

Giovedì 29 agosto ritorna il teatro con “Un Giallo Targato Napoli” scritto e diretto da Gaetano Troiano della Compagnia All’Antica Italiana di Salerno e che regalerà intrecci comici tra equivoci e situazioni paradossali. Venerdì 30 agosto ritmo e movenze sulle tavole del palco dell’Arena: l’associazione Arbostella in…Danza di Antonella e Marianna Rotondo presenterà il suo spettacolo di danza classica e moderna intitolato “Voglio vederti…danzare”. Successivamente spazio alle coreografie di ballerini di Salsa, flamenco e bachata.

 

Sabato 31 agosto una conoscenza degli abbonati dell’Arbostella: la compagnia Zerottantuno di Napoli farà sbellicare dalle risate il pubblico con “E’ Tornata Zitella”, un riadattamento del testo di Signori Biglietti curato magistralmente da Felice Pace. Lo spettacolo lo scorso anno, sempre all’Arena, fu sospeso dopo pochi minuti per colpa di un temporale e a grande richiesta il pubblico ha chiesto di riproporlo anche quest’anno, facendo ovviamente i dovuti scongiuri. 

 

Domenica 1 settembre, gran finale nuovamente con la Compagnia Comica Salernitana che porterà in scena un divertentissimo “Turco napoletano” di Eduardo Scarpetta riadattato e rivisitato dalla sapiente mano di Gino Esposito che regalerà due ore di sano umorismo alla platea.

 

Gli eventi avranno inizio alle 21,15. Madrina delle sette serate sarà la storica voce di Agnese Ambrosio. La parte tecnico/fonica sarà curata da Francesco Granozi de’ i Musicastoria, mentre la parte scenografica sarà a cura della C.M.C. Group. La Vo.Pi. di Pontecagnano si occuperà del presidio sanitario mentre vigilanza e sicurezza sarà garantita dalla DR Security di Roberto Dinacci. Organizzatori Immacolata Caracciuolo e Arturo Esposito.

Info: 089/3867440 – 347/1869810 – pinturo_74@hotmail.it -www.teatroarbostella.it

Un Natale DA RIDERE al Teatro Arbostella a Salerno

“’O figlio e’ pàtemo”, è una commedia brillante scritta a quattro mani dal duo comico del Teatro Arbostella Giovanni Bonelli e Andrea Avallone.

Lo spettacolo è condotto dalla verve istrionica di Andrea Avallone (Domenico Di Maggio) insieme al suo amico di merende Giovanni Bonelli (Sabato Di Maggio).

La trama narra che i due fratelli diventano eredi di un grande patrimonio.

A causa di un banale incidente domestico(Domenico) perde la memoria e il fratello “serpente” (Sabato) coglie l’occasione per sfruttare la disgrazia (E’ chi ti dice che è una disgrazia?) per farsi nominare tutore del fratello così da poter disporre dell’intero asse ereditario.

Ma le circostanze cambiano, il “serpente “è costretto, suo malgrado, a mordersi la coda in un finale che lascia posto a qualche riflessione.

Lo spettacolo è gradevole, il ritmo incessante.

In tale contesto viene esaltata la   maschera naturale di Andrea Avallone: La sua frenetica comicità o se vogliamo anche la sua drammaticità grottesca vive, cresce in tante dimensioni caratteriali.

Tanti sipari che si aprono, si chiudono, si riaprono.

Bonelli da ottima spalla accende questa espressione di teatralità: Sonda, sente, vive gli umori del pubblico e coglie l’attimo giusto per abbattere quel muro sottile invisibile, che divide l’azione che si svolge sul palco con lo spettatore.

Completano il cast una domestica barese Francesca Musa che riesce a riempire contesti utili al gioco scenico, il suo dialetto genera sottintesi ed i equivoci che scatenano gags a ripetizione.

Maria Rosaria Sellitti, un’inquilina sbadata che sconvolge l’habitat familiare.

Enzo Galdo, un neurologo a cui riesce difficile anche formulare la più semplice delle diagnosi, che si rivela funzionale nelle dinamiche di palcoscenico.

Uno spettacolo divertente, semplice, presentato con grande umiltà e passione, non privo di contenuti.

Una comicità che vale la pena di vivere nel calore di un teatro povero dove sono poveri anche i sentimenti.

Lello Casella