Archivi tag: COMICITà

A SALERNO apre un nuovo Teatro

Il Teatro S. Margherita laboratorio aprirà al pubblico il giorno 30 novembre alle ore 21 con lo spettacolo ‘E ccose ‘mpruvvisate… tentativo di messa in scena comica con musica in due atti.

Gaia Bassi, Lello Casella, Tonino Di Folco saranno gli interpreti del lavoro che sarà replicato anche domenica 1° dicembre alle ore 19,15.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Insieme a loro Donato Lardieri e i musicisti Paolo Molinari e Ugo Rodolico.

La Regia è di Lello Casella, Sabrina Tortorella ha curato la Direzione Artistica, Scenotecnica Enzo Citro, Direttore di Scena Maria Luisa Pirri, Direzione Tecnica Ciro Casella.

Il Teatro, molto accogliente e civettuolo, situato nel cuore di Pastena all’uscita della tangenziale vuole essere un nuovo centro di arte e di aggregazione.

Lo spettacolo come dice chiaramente il titolo nasce da un’idea di improvvisazione che segna la rottura degli schemi classici del teatro tradizionale, scompare la cosiddetta ” quarta parete ” Senza ruoli predefiniti anche il pubblico può diventare parte   attiva ed essenziale della messa in scena.

Il testo è comico con accenni e citazioni di grandi commediografi del secolo scorso.

Le musiche dal vivo curate dai maestri musicisti Paolo Molinari e Ugo Rodolico.

Alcuni attori sono alle prese con le prove generali di uno spettacolo che andrà in scena il giorno dopo. Si cerca di approntare una messa in scena valida, il teatro sarà esaurito, ma non tutto sembra andare per il verso giusto e allora …

Il prodotto finale è esilarante. Lello Casella brillante caratterista e spalla di un comicissimo Tonino Di Folco che ritorna sulle scene dopo qualche anno sabatico, poi Donato Lardieri al debutto in un ruolo di grande impatto. Ritmo, musica e comicità sono gli elementi essenziali e non banali del lavoro.

Tutto questo impreziosito dalla presenza scenica dell’artista Gaia Bassi.

La Bassi nota al grande pubblico per essere stata protagonista con i grandi del circuito teatrale italiano tra i quali Massimo Ranieri, Sal Da Vinci, in fiction come Un posto al Sole.

Insomma vale la pena concedersi qualche ora di risate.

Il costo d’ingresso e di euro 10, si consiglia la prenotazione. Info al 3385884051

Bagno di folla per Federico Buffa e IPantellas al Premio Fabula 10. Stasera i Villaperbene, domani Enzo De Caro

«Ho visto mia madre morire di Alzheimer. Da allora alleno la memoria come fosse un quadricipite» Così Buffa ai creativi
«Sogniamo il cinema, ma speriamo ci richiamino a Colorado»
L’appello de IPantellas agli autori del programma Mediaset
OGGI TOCCA AL COLLETTIVO SALERNITANO VILLAPERBENE
E PER GLI INCONTRI SPECIALI IN ARENA S.E. MONSIGNORE ANDREA BELLANDI. FOCUS SULLA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON IL VICE CAPO AREA DI
BANCA CAMPANIA CENTRO IL DOTTORE FABIO LAURI
Domani l’atteso arrivo di Enzo De Caro che renderà omaggio a Massimo Troisi

Andrea Volpe con IPantellas

Bellizzi , 3 settembre 2019 Un bagno di folla ha celebrato la seconda giornata del Premio Fabula, decima edizione del Festival della scrittura dei ragazzi ideato da Andrea Volpe, in programma a Bellizzi fino a venerdì 6 settembre, che ieri ha applaudito il ritorno dello storyteller Federico Buffa, già ospite delle precedenti edizioni e gli youtuber più amati del momento IPantellas. Per loro Bellizzi si è fermata fino a notte tarda: migliaia le foto ricordo scattate con i beniamini che hanno la stessa età del Comune più giovane della provincia di Salerno e che come Fabula tagliano il traguardo dei dieci anni di carriera.
«Ho visto mia madre morire di Alzheimer – ha raccontato Buffa – da allora alleno la mia memoria come fosse un muscolo, un quadricipite. Questo è il mio unico talento. Detto questo voglio dire che Fabula è un evento unico, che fa dei ragazzi la sua anima portante. È straordinario. Un esempio di favola sportiva? Le vittorie dell’Italia ai mondiali del 1982 e 2006 cominciati in condizioni difficili e finiti nel modo più bello»
Successivamente è toccato a Jacopo Malnati e Daniel Marangiolo, I Pantellas, la coppia di youtuber più apprezzati del momento, che, con grande disponibilità si sono prestati alle migliaia di richieste di autografi e foto ricordo. «Era destino che dovessimo venire al Fabula – raccontano – siamo nati nello stesso anno di Bellizzi e quest’anno, come il Premio, festeggiamo 10 anni de IPantellas. Sogniamo il cinema, ma speriamo anche che Colorado ci riprenda nel cast».
Interessantissimi gli incontri con Giuseppe Paschetto, unico italiano tra i 50 migliori professori nel mondo candidato per il Global Teacher Prize della Varkey Foundation. Ha eliminato la cattedra e i compiti a casa, ha convinto i colleghi a misurare il “Fil” della scuola (Felicità interna lorda). «Il verbo imparare, come sognare non dovrebbero avere l’imperativo» – ha detto ai ragazzi. Si è messo a nudo anche Vincenzo Starita, Direttore generale del personale, delle risorse e per l’attuazione dei provvedimenti del giudice minorile del Dipartimento per la giustizia minorile e di comunità: «Continuate a scrivere e a pensare alla vita come una favola, spesso la vita da grandi fa perdere il desiderio di sognare».
STASERA – GIORNO 3 Gli Incontri Speciali in Arena prenderanno il via alle 17.30. Con i giovani creativi sarà affrontato il tema dell’economia circolare e gli investimenti presenti e futuri. Sarà sviluppato un focus sull’importanza del fare una buana raccolta differenziata condividendo esempi di buone pratiche. Interverranno il Dottore Fabio Lauri, vice capo area di Banca Campania Centro, la Dottoressa Emma Carrafiello e il Dottore Angelo Zoppi, collaboratori del laboratorio di analisi e consulenza ambientale Neotes srl in qualità di giovani soci Kairòs della Banca Campania Centro. Alle 18.30 è fissato l’incontro con S.E. Monsignore Andrea Bellandi, Arcivescovo, Arcidiocesi di Salerno – Campagna – Acerno, e, a seguire, alle 19.30, lo scrittore Luca Lanzetta. Infine, alle 20, arriveranno i Villaperbene, il collettivo comico salernitano nato nel 2012 e composto da Chicco Paglionico, Francesco D’Antonio ed Andrea Monetti.
DOMANI – GIORNO 4 Fitta l’agenda del quarto giorno di Fabula 10. Si comincia alle 17.30 con Adam Smulevich, il giornalista e scrittore che dedicherà parte del suo intervento a Primo Levi, in occasione dei 100 anni dalla sua nascita. Alle 17.30 i giovani creativi incontreranno Alessandra Vitale, capitano della Nazionale Paralimpica di Sitting Volley. Infine alle 19.30 l’attesissimo arrivo di Enzo De Caro. La sua venuta a Bellizzi, tra l’altro proprio in quell’arena a lui dedicata, sarà l’occasione per rendere omaggio all’ineguagliabile compagno di viaggio con il quale la vita professionale e privata di De Caro per tanti anni si è intrecciata.

ULTIMO APPUNTAMENTO CON GIFFONI TEATRO 

Venerdì 23 cala il sipario con l’Oratorio Unità Pastorale Giffoni – ANSPI in scena al Giardino con “O ditto antico nun fallisce maie…”

Giffoni Valle Piana, 21 agosto 2019 Con una divertentissima commedia napoletana che non manca di spunti di riflessione cala il sipario sulla XXII edizione estiva di Giffoni Teatro, ideata e promossa dall’Associazione omonima presieduta da Mimma Cafaro.
A firmare l’ultimo appuntamento al Giardino, venerdì 23 alle 21.30, sarà l’Oratorio Unità Pastorale Giffoni – ANSPI con “O ditto antico nun fallisce maie…” di Gaetano e Olimpia Di Maio (regia Rosario Muro).
LA TRAMA Un finto mendicante cieco, mentre chiede l’elemosina per strada, si trova ad essere unico testimone oculare di un omicidio tra guappi: colto dalla paura smette di recitare la parte di non vedente e scappa via a gambe levate. Questo gesto istintivo insospettisce l’assassino che subito si mette sulle tracce di colui che considera un testimone e così iniziano una serie di peripezie.
In scena: Michela Di Vece, Italia Di Filippo, Linda Giannattasio, Miriam Foglia, Antonia Foglia, Domenico Cascio, Andrea Iacuzzo, Martina Bovi, Giacomo D’Agostino, Federica Di Filippo, Antonio Mele, Serena Pia Apicella.
INFO UTILI Lo spettacolo avrà inizio alle 21.30 al Giardino degli Aranci. Il costo del biglietto è di 5 euro. Informazioni, prenotazioni e prevendita: Associazione Giffoni Teatro tel. 339 4611502; www.giffoniteatro.it – info@giffoniteatro.it. Biglietteria: via P. Scarpone n.1; www.go2.it. Botteghino del Teatro nei giorni di spettacolo ore 19.00 – 21,30.

BUCCIROSSO APRE CHEF RUBIO CHIUDE FABULA 10

NEL MEZZO I VILLA PER BENE, UN FAMOSO YOUTUBER ANCORA TOP SECRET E ENZO DE CARO

Comincia a delinearsi il carnet di ospiti per il decennale dell’evento che ruota intorno ai sogni dei ragazzi attraverso
la loro scrittura creativa e l’incontro-confronto con i beniamini
Ultima chiamata per i giovani dai 9 ai 15 e dai 16 ai 20 anni
che vogliono invadere Bellizzi dall’1 al 6 settembre

Bellizzi, 9 agosto 2019

Un festival, uno spazio, un villaggio, un grande laboratorio di sogni e creatività. Comincia a prendere forma Fabula 10, il Premio letterario dedicato alla scrittura per ragazzi, pronto a fare del Comune più giovane della provincia di Salerno, Bellizzi, dall’1 al 6 settembre, la casa della fantasia, crocevia dei big e quartier generale di un evento che, pur alla soglia dei dieci anni, non perde mai di vista la sua traccia originaria: rendere i giovani creativi sempre più protagonisti di un grande contenitore dedicato unicamente a loro.
Ecco perché anche la scelta dei grandi nomi non è mai una ricerca banale, ma tende a corrispondere al gusto e all’esigenza di una generazione curiosa, assetata di sapere e soprattutto pronta a carpire dai loro miti le informazioni e le dritte giuste per costruire il loro sogno. Parte da qui la scelta dei primi protagonisti annunciati.
IL TAGLIO DEL NASTRO Ad aprire la decima edizione di Fabula sarà Carlo Buccirosso, l’attore napoletano che, in oltre 40 anni di carriera (iniziata con Tato Russo, che ha preso il volo con Vincenzo Salemme fino ad arrivare al grande successo de “La grande bellezza” di Paolo Sorrentino) è riuscito ad affermarsi come uno dei volti più noti e familiari della televisione, del cinema e del teatro ed è stato insignito del David di Donatello per il miglior attore non protagonista per “Noi e la Giulia’” (2015). Comico, ma prima di tutto uomo dal poliedrico talento, veste spesso i panni del mediocre, interpretando pregiudizi e napoletanità con la grande maestria di chi è consapevole di essere questo e molto altro. Complice una storia tutta teatrale e una presenza scenica che lo rende meno stereotipato di quanto si possa pensare, Buccirosso è un caratterista d’altri tempi, simbolo della buona scuola d’arte partenopea. L’attore è attualmente impegnato nel suo prossimo progetto: “Sono solo fantasmi”, nuovo film in uscita il prossimo 14 novembre, diretto e interpretato da Christian De Sica. Le riprese sono iniziate ufficialmente nel mese di giugno a Napoli: Buccirosso e De Sica saranno accompagnati da Gianmarco Tognazzi per interpretare tre fratelli acchiappafantasmi, in una sorta di versione tutta all’italiana di ‘Ghostbusters’.
MONDO SOCIAL E YOU TUBE Al taglio del nastro parteciperanno anche i Villaperbene, il collettivo comico salernitano nato nel 2012 e composto da Chicco Paglionico, Francesco D’Antonio ed Andrea Monetti. Nel 2014, dopo i successi tv, il trio ha spostato il proprio focus sulla rete ed attraverso video, parodie e collaborazioni in pochi mesi ha conquistato il web. All’inizio del 2018 sono più di 200mila gli utenti connessi e registrati alle pagine social a loro nome e più di 50 milioni le views totalizzate dai loro contenuti. Ancora top secret invece il grande YouTuber che travolgerà Bellizzi nel secondo giorno di Fabula, il direttore artistico Andrea Volpe, non si sbottona, ma ci tiene a sottolineare la linfa che anima la sua creatura.
IL DIRETTORE ARTISTICO «Ogni giorno i nostri ragazzi incontrano rappresentanti del mondo delle professioni, dell’arte, delle istituzioni e dello spettacolo – spiega Andrea Volpe – Quest’anno, con il decennale, ufficializziamo il cambio di passo perseguendo l’obiettivo che abbiamo sempre avuto in mente: focalizzare la nostra attenzione sui giovani creativi. Attraverso la scrittura questi ragazzi esternano i loro sogni e i loro pensieri. Ci insegnano a sperare e noi abbiamo il dovere di trasmettere loro principi sani, il rispetto dell’ambiente in cui vivono. Il mondo può essere un posto migliore se riusciamo a cambiare il nostro approccio alle cose, non a chiacchiere o per frasi fatte ma nei comportamenti.  Con Fabula sognavo e sogno tutti i giorni di dire ai ragazzi che la vita è dura ma che se ti impegni e sei una persona onesta il bene vince sul male, che la speranza di una terra migliore è possibile. In questi giorni ci sono stati problemi seri nella Piana del Sele e vorrei dire che è giusto indignarsi ma che dovremmo farlo più spesso, quando qualcuno scarica i rifiuti per strada, pure avendo tutte le comodità per smaltirli. Qualcuno sorride quando, come prima cosa, durante la cerimonia di benvenuto che ogni anno precede l’avvio della kermesse, dico ai giovani creativi: non buttate le carte per terra. In quel gesto c’è poco rispetto, sembra piccolo ma non lo è. E da quello bisogna ricominciare. Il festival nasce per stimolare le loro menti ma soprattutto per provare a lasciare il segno, non solo dei ragazzi, ma anche di tutti quelli che partecipano e che vivono Fabula».
OMAGGIO A TROISI CON DE CARO Tra i protagonisti di Fabula 10 ci sarà anche Enzo De Caro, atteso dai creativi il 4 settembre: erano gli anni ’70 quando insieme a Massimo Troisi e Lello Arena, con il gruppo teatrale “La Smorfia” portava alla ribalta la comicità napoletana. E quando il trio si è sciolto l’attore partenopeo ha intrapreso una lunga carriera al cinema e in tv, partecipando a tante fiction di successo, come la serie più recente, “L’amore strappato”, diretta da Simona Izzo e Ricky Tognazzi, liberamente ispirata ad una vicenda reale in cui ha interpretato un padre vittima di un errore giudiziario. Ma La Smorfia gli è rimasta nel cuore, così come l’amicizia per l’amico Massimo, del quale quest’anno ricorrono 25 anni dalla scomparsa. Per questo, la sua venuta a Bellizzi, tra l’altro proprio in quell’arena a lui dedicata, sarà l’occasione per rendere omaggio all’ineguagliabile compagno di viaggio con il quale la vita professionale e privata di De Caro per tanti anni si è intrecciata.
GRAN FINALE CON CHEF RUBIO Proseguendo con gli ospiti ha confermato di approdare per il gran finale di Fabula Chef Rubio, un autentico fenomeno mediatico consacrato al successo dal format ‘Unti e Bisunti’, serie TV-cult dedicata allo street-food, in onda per la prima volta nel 2013 su DMAX (canale 52 dtfree). Con un linguaggio unico e uno stile personale inconfondibile, Rubio in poco tempo si è affermato in TV come l’antichef rude e tatuato che conquista tutti per competenza e originalità. Poco più che trentenne, nato a Frascati, con un passato da rugbista professionista e un diploma nel 2010 all’ALMA – Scuola Internazionale di Cucina italiana, Rubio è oggi un cuoco non–convenzionale, indipendente, sempre in viaggio alla scoperta di saperi e sapori. Personalità eclettica, curioso, estroverso, con il suo approccio unico si è fatto notare nel panorama della comunicazione gastronomica grazie a programmi e a iniziative che celebrano la tradizione culinaria, proponendo incontri conviviali come momenti di scoperta e conoscenza di un territorio e del suo popolo. Dal 2018 è di nuovo in strada alla scoperta della vera cucina di sostanza con il programma TV “Camionisti in Trattoria” con l’obiettivo di capire se è vera la leggenda secondo la quale dove si fermano i camionisti si mangia bene. I fan non vedono l’ora di incontrare dal vivo il simpatico e un po’ burbero conduttore televisivo che piace a grandi e piccoli e che si confronterà con i creativi anche per suggerire loro uno stile di vita salutare sul fronte dell’alimentazione, oltre a spoilerare, si spera, qualcosa sui suoi prossimi impegni professionali.
ISCRIZIONI ANCORA APERTE La macchina organizzativa ha decisamente acceso i motori e nell’attesa di presentarsi allo start annunciando gli ultimi grandi nomi che andranno a definire la sei giorni da favola, non rimane che lasciare a loro, i giovani creativi, la possibilità di premere il piede sull’acceleratore. Al momento gli elaborati (favole, fiabe e racconti) ammessi sono oltre 400: gli autori vengono da tutta la Campania. Ma c’è ancora posto per l’ultima manciata di giovani sognatori che non vogliono lasciarsi scappare questa occasione. Favole ed Affabulatori sono le categorie aperte ai ragazzi dai 9 ai 15 anni. Alla fascia 16-20 anni è riservata la categoria Creativi – Premio Michele Buonanno, sezione dedicata alla creatività dei ragazzi, che potranno seguire il festival con uno sguardo privilegiato. Per essere protagonisti basta cliccare sul sito www.premiofabula.it.

Al via domenica 4 la XXII edizione

NOVE APPUNTAMENTI AL GIARDINO PER CELEBRARE 22 ANNI DI TEATRO

Domenica 4 agosto al via la stagione estiva
Con Luciano Capurro e la Compagnia Stabile del Salone Margherita arrivano “Le Stelle del Cafè Chantant”
In cartellone anche l’Anfitrione con le dionisiache Caprioglio e Bovoli
Quattro le date affidate alle compagnie stabili e tre al TeatroRagazzi

Giffoni Valle Piana, 2 agosto 2019 Una nuova estate al Giardino degli Aranci da trascorrere al fresco di Giffoni Valle Piana mentre sul palco si alternano i protagonisti del teatro, le giovani leve, le compagnie del territorio e i grandi rappresentanti della finzione scenica italiana. Si costruisce così la nuova edizione estiva di Giffoni Teatro, la 22esima organizzata dall’associazione omonima, presieduta da Mimma Cafaro, in programma da domenica 4 a venerdì 23 agosto.
Nove gli spettacoli in cartellone. Si parte dopodomani, domenica 4, con la Compagnia Stabile del Salone Margherita in “Le stelle del Cafè Chantant” con Anna Caso, Lucio Bastolla, Carla Buonerba e il Balletto Le Belle Epoque. La regia è di Luciano Capurro. Divertimento assicurato tra comicità, canzoni, balli, virtuosismi ispirati alle memorie di quel mondo scandito da piume, ventagli, cilindri e paillettes. In scena un revival della Belle Epoque dei primi anni del ‘900, e i primi Cafè Chantant che fecero storia e costume popolare nell’Italia post-unitaria. Lo spettacolo vuole essere un omaggio ad un genere che dedicò uno spazio alla canzone classica napoletana, vide muovere i primi passi della “Sciantosa” e divertì platee entusiaste con “la macchietta”.
Il giorno successivo, lunedì 5, il primo appuntamento con il TeatroRagazzi. Protagonista la Compagnia Stabile Felippo Sgruttendio de Scafato gruppo “Peppino De Rosa” in “Sogno di una notte di mezzia sbornia”, adattamento di una pièce tra le più esilaranti di De Filippo.

Questa presentazione richiede JavaScript.


LA CHICCA Riflettori puntati sul palco del Giardino mercoledì 7 quando i protagonisti saranno Debora Caprioglio e Franco Oppini con Tonino Tosto, Barbara Bovoli e la partecipazione straordinaria di Enzo Casertano nell’Anfitrione per la regia di Livio Galassi.
Lo spettacolo restituisce il gioco degli equivoci, della perdita d’identità, dei doppi, degli dei che si fanno umani: Giove assumerà le sembianze di Anfitrione e Mercurio quelle del servo Sosia (emblematico il nome). Al centro una donna, Alcmena (Barbara Bovoli), sempre accompagnata dalla sua serva Bromia (Debora Caprioglio). Nel corso della rappresentazione, “la trama si complica, si contorce, si arrovella – dichiara il regista Galassi -. Fino al più esilarante, inestricabile, parossismo che solo il deus ex machina riuscirà felicemente a dipanare”. Renderà tutto più suggestivo, la proiezione, su fondo bianco, di alcune ombre a cura di SilviOmbre. Essenziale e toccante anche la scenografia. Musiche di Luciano Francisci. I costumi sono invece di Annalisa Di Piero. L’aiuto regia e l’organizzazione sono di Ludovica Costantini.

IL PROGRAMMA Giffoni Teatro prosegue venerdì 9 con la Compagnia Tandem In “Hollwood è tutta un’altra cosa”, spettacolo di Maurizio D’Eramo per la regia di Ciro Rusticale che racconta l’avventura in un condominio degli anni ‘60 dove si intrecciano storie di vita di tutti i giorni.
La stagione estiva riprende subito dopo Ferragosto, venerdì 16, ospitando la Compagnia Arcoscenico che sarà protagonista al Giardino di “Risate alla napoletana” (adattamento e regia Rodolfo Fornario) un omaggio ai maestri della Commedia dell’Arte, in particolar modo al grande Antonio Petito, il più grande Pulcinella della storia del teatro.
Lunedì 19 sarà la volta della Compagnia Giffoni Teatro in “Napoli – Juve? 3 a 0”, commedia di intrecci ed equivoci scritta e diretta da Rosario Muro con la partecipazione di Ciro Girardi.
TeatroRagazzi il giorno successivo, martedì 20, con la Compagnia La Pazza Idea, composta da persone con disagio psichico, volontari e operatori della Cooperativa Voloalto, in “Il Piccolo Principe 2.0”, uno spettacolo scritto appositamente per questi ragazzi speciali, la cui storia si ispira liberamente alla struttura drammaturgica della famosa favola di Antoine de Saint Exupery. Regia e sceneggiatura Rodolfo Fornario.
Mercoledì 21 toccherà alla Compagnia La Proposta in scena con “Una casa di pazzi, menti follemente equilibrate” di Roberto D’Alessandro e la regia di Alfredo Crisci. Il racconto si basa sulla legge Basaglia del 1978 che decretò la chiusura degli ospedali psichiatrici, strutture servite più ad emarginare e torturare che curare i pazienti affetti da disturbi mentali.
Con una divertentissima commedia della comicità classica napoletana che non manca di spunti di riflessione cala il sipario sulla XXII edizione di Giffoni Teatro. Ultimo appuntamento al Giardino venerdì 23 con l’Oratorio Unità Pastorale Giffoni – ANSPI con “O ditto antico nun fallisce maie…” di Gaetano e Olimpia Di Maio (regia Rosario Muro).

INFO UTILI Tutti gli spettacoli avranno inizio alle 21.30 al Giardino degli Aranci. Il costo del singolo biglietto per lo spettacolo di apertura con Luciano Capurro e la Compagnia Stabile del Salone Margherita è di 11 euro, 16 euro quello per la data del 7, 9 euro per le compagnie stabili del territorio, 5 euro per lo spettacolo del 23 agosto. Gratuito su prenotazione l’ingresso al TeatroRagazzi. L’associazione Giffoni Teatro propone anche un abbonamento per i nove spettacoli in cartellone al costo di 50 euro. Informazioni, prenotazioni e prevendita: Associazione Giffoni Teatro tel. 339 4611502; www.giffoniteatro.itinfo@giffoniteatro.it. Biglietteria: via P. Scarpone n.1; www.go2.it. Botteghino del Teatro nei giorni di spettacolo ore 19.00 – 21,30.

Comicità: ritorna al Premio Charlot di Salerno la gara dei giovani emergenti

Un’intera giornata tutta dedicata alla comicità quella di questa sera, 25 luglio 2019, della XXXI edizione del Premio Charlot, nell’ambito della 31° edizione della kermesse che ha preso il via domenica 7. La giornata inizierà alle ore 11 presso il Teatro Delle Arti di Salerno e proseguirà fino alle 13, per poi riprendere alle 15 e proseguire fino alle 17, con un workshop sulla comicità dal titolo “Percezioni Comiche” curato da Alessio Tagliento, autore, attore e musicista e Diego Cajelli, scrittore, sceneggiatore, autore radiofonico e televisivo, e blogger. Si tratta di un viaggio guidato nei territori della comicità. Dallo slapstick alla battuta, dal cabaret alla stand up comedy, dallo sketch al monologo, passando per la costruzione del personaggio fisico sino alla scrittura creativa nel contesto comico.

Imparare a percepire il comico dal quotidiano e vedere l’altra faccia della sofferenza.

Un corso specifico, sintonizzato sulle caratteristiche personali degli allievi, che fornirà ad ognuno di loro gli strumenti per gestire al meglio la propria comicità. Sei ore – tre di teoria e tre di pratica, su un palco, alla ricerca della propria chiave comica, cercandola tra le radici della comicità tradizionale e le nuove tendenze. Gli argomenti che saranno trattati nel workshop, con esercizi e messa in pratica saranno: 1) La comicità: Imprevisto, la sorpresa. 2) Il corpo: come usarlo sul palco. 3) La comicità di base, dalla parola al gesto. 4) Il personaggio. 5) La scrittura, essenzialità ed effetto comico. Cenni sul metodo del righello

Nel percorso è prevista una performance live, con diversi interventi comici basati sulle caratteristiche dei singoli allievi.

A seguire alle ore 21 all’Arena del Mare protagonisti saranno sei giovani emergenti cabarettisti, selezionati dal direttore artistico Gianluca Tortora in tutt’Italia, che si sfideranno a suon di battute per conquistarsi lo Charlot Giovani. A sfidarsi saranno Francesco Cofano dalla provincia di Brindisi, i Poi ve lo dico, ovvero il napoletano Marco D’Angelo e il romano Manuel Plini, ed ancora da Roma Claudio Sciara, da Milano Iury Primavera, da Bari  Luce Pellicani e infine il quartetto degli A4 composto dai romani Alessia Di Fusco, Giardina e Livia Massimi e dal palermitano Davide Di Meglio. La serata, ad ingresso libero fino ad esaurimento posti, sarà condotta da Gigi e Ros, e vedrà inoltre come ospiti Adriano Giannini, Giuliana De Sio, Francesco Cicchella, Tony Figo, Diego Cajelli e Angelica Massera. Voce esilarante del web che racconta in tono ironico ma assolutamente realistico i luoghi comuni, le situazioni e le “battaglie” quotidiane in cui le madri moderne si scontrano ogni giorno. La casa, la scuola, le feste di compleanno, il supermercato, il rapporto con gli altri genitori e soprattutto il racconto di quella fase in cui una donna è ancora nel fiore dei suoi anni e si ritrova a passare da donna a mamma.  

Romana e con una solida formazione attoriale, ha iniziato la sua carriera in tv, lavorando con personaggi del calibro di Pippo Baudo, Tosca d’Aquino, Max Tortora, Lillo & Greg, Stefano Fresi e molti altri.

Dopo una lunga pausa in cui si è dedicata alla sfera privata e alla famiglia, nel 2016 decide di raccontare la sua nuova vita di giovane mamma proprio sul web, aprendo la sua omonima pagina Facebook e, poco dopo, anche il canale YouTube. I suoi canali sono lo specchio di uno storytelling completo, dove la narrazione dell’essere mamma non “oscura” la complessità dell’essere una donna trentenne oggi, sempre con una vena spiccatamente comica e leggera. Su Facebook, in particolare, si è contraddistinta fin da subito con il format #vitadamamma, catturando milioni di views e il consenso delle mamme – e non solo. 

Fuori dal web, a dicembre 2018 debutta a Roma con uno spettacolo teatrale comico con Pablo & Pedro.

si chiude la III edizione della rassegna s. margherita arte e teatro

Serata di grande comicità con il duo Avallone-Bonelli della Compagnia Comica Salernitana, O’ figlio ‘e pàtemo” è una commedia brillante scritta a quattro mani dai due. Con loro completano il cast Lucia Aceto, Francesca Musa e Enzo Galdo.

Diciamo subito che ci siamo divertiti perché questi riescono sempre a trovare il modo per ribaltare gli schemi e sfornare battute a ripetizione, gags che rivoluzionano o meglio stravolgono il testo e ogni volta sembra di assistere a uno spettacolo diverso. Infatti, se non fosse per la storia che non cambia, quella di due fratelli che si devono dividere un’eredità “indivisa” che un fratello tenta di fare il colpo grosso grazie alle disgrazie dell’altro, sarebbe il caso di dargli un titolo diverso. Quale? “Faccio a pezzi il copione?” Il titolo mi viene parafrasando un testo di Salemme, che calza a pennello perché prossimamente questi due volponi presenteranno “… E fuori nevica“, grazie al fatto che sono riusciti “pregandolo” a ottenere il permesso per rappresentarlo. Loro dicono che è stato Salemme a “pregare loro” ma vi garantisco che è il contrario. Comunque lo spettacolo? Si. “O’ figlio ‘e pàtemo” chiude la Rassegna S. Margherita Arte e Teatro sin dalle prime battute si crea quell’empatia necessaria, vitale, per rompere quella terza parete che divide loro (i due volponi) dal pubblico. Diventa tutto un solo spaccato: comicità e applausi, applausi e comicità. Piace la loro spontaneità, la loro simpatia, il saper fronteggiare anche eventi fortuiti, questa volta la pioggia non c’entra.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Cavalcano l’onda emotiva di un pubblico appassionato, caldo, concentrato sulle loro battute. In platea si respira quella meravigliosa sensazione del lasciarsi andare a ridere e loro la sentono ci ricamano, se la cuciono addosso. Lo spettacolo piace è la degna chiusura di una rassegna che ha dato enormi soddisfazioni agli organizzatori Lello Casella e Sabrina Tortorella bravi a credere di poter sfruttare uno spazio, una location cui nessuno dava un minimo di credibilità. Si sa la creatività può far vivere anche il sogno più impossibile ed ecco che le idee e i sogni si realizzano. Un angolo senza nome, un esterno poco curato fino a quel momento, diventa un salotto vivo, palpitante, dove l’arte si mette in scena.

LELLO CASELLA E SABRINA TORTORELLA
LELLO CASELLA E SABRINA TORTORELLA

Il salotto è pronto e ogni sera si rinnova con la sua carica di passione, di entusiasmo, di cultura e di socialità. Quasi mille presenze complessive. Bravi a crederci loro ma anche il Comune di Salerno in persona del consigliere Nico Mazzeo una persona disponibile e fattiva. Un grazie va anche a Don Sabatino Naddeo che ha voluto dare fiducia al progetto di trasformazione. Un grazie, poi, a tutti gli artisti che si sono alternati in queste sere di luglio fresche e intrise di tanta, tanta passione. Nella serata finale ultimi due riconoscimenti. Premio Santa Margherita Arte e Teatro a Maurizio Paolillo (clicca qui) e a “Capricorner” di Donato Lardieri, il locale ufficiale della Rassegna dove la pizza “nunseghiomm”.

Grazie al pubblico che numerosissimo è stato presente con grande entusiasmo. Lello Casella e Sabrina Tortorella felici di aver potuto vivere infinite emozioni sono già all’opera per proporre un cartellone invernale e per programmare la IV Rassegna estiva nel 2020.

Rassegna di S. Margherita stasera Gran finale con la coppia Bonelli/Avallone

Ultima serata della terza edizione S. Margherita Arte e Teatro

La festività di Santa Margherita ferma la Rassegna per un giorno, il quartiere vive con grande partecipazione emotiva la festa, la processione, i fuochi.

Intanto venerdì sera bella serata con la compagnia “Compagnia Polo delle arti” con “Dracula Felice e Contento“. Uno spettacolo di “Dancing Theater” come lo definisce Valeria Alfano ex ballerina, attrice e coreografa. Lo spettacolo prende spunto da “Dracula morto contento” di Mel Brooks.

In scena ben 21 elementi tra interpreti, pipistrelli, governanti,  transilvane vampire e dame Inglesi.

Il teatro-danza è anche oggetto di studi stimolanti per i bambini: infatti la Compagnia Polo delle Arti organizza veri e propri laboratori che coinvolgono anche i genitori.

Attraverso l’utilizzo dei colori, è possibile esplorare il corpo in movimento nello spazio, sperimentando disegni dettati da mille sensazioni, non rimanendo necessariamente immobili. La creatività si sprigiona ad occhi chiusi, saltando, con la voce, con il corpo degli altri.

Questo esperimento aiuta a ritrovare se stessi e ad innamorarsi sempre di più dell’arte con la vita. Ed ecco spiegato in sintesi il significato dello spettacolo di Valeria Alfano che ha saputo mettere insieme bambini di tutte le età.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Si sa, i bambini vivono di favole e di immaginazione: i colori, legati al movimento, permettono un legame con il mondo e con la fragilità delle emozioni, che loro esplorano!

Da piccoli avete mai immaginato di essere dei ballerini o di recitare la parte di principesse/principi in un castello incantato? E allora perché non unire la recitazione al ballo? Tutto è espressione.

Portare questo spettacolo in Rassegna è stato un modo per sperimentare l’incontro di queste due arti che ha dato origine a un genere diverso da una performance attoriale o da un balletto moderno: la disciplina del teatro danza.

Dal lato del pubblico si nota da subito che non esiste distinzione tra recitazione, canto e danza: tutto è improvvisato!

Le parole si trasformano in azioni, in base al messaggio che si vuole trasmettere al pubblico, partendo da emozioni interiori di ogni singolo “danzattore”.

Inoltre Il palcoscenico si trasforma: non sono gli oggetti o i costumi (bellissimi e curati) gli elementi fondamentali per la messa in scena, ma le musiche, le forme, i colori che danno vita a un arcobaleno di emozioni tali da poter toccare, udire, vedere, odorare…persino gustare il momento! Coinvolgere tutti i cinque sensi! Simboli, elementi visivi, musica, parole che si mescolano e il risultato finale suscita divertimento ma allo stesso tempo interesse!

Viviamo un’epoca nella quale anche l’attività fisica è spesso fonte di stress, alla rincorsa di prototipi estetici spesso irraggiungibili.

La danza, qualsiasi tipo di danza, è l’unica attività che coinvolge tutti i muscoli del corpo, dal viso alla punta delle mani e dei piedi, ma coinvolge anche i sensi, le emozioni, la mente.

Per i bambini e gli adolescenti, in particolare, praticare attività che stimolino la creatività e nel contempo il rispetto della propria integrità fisica, contribuisce a formare l’individuo, spingendolo alla fruizione di passatempi più elevati di quelli comunemente offertigli ed educandolo a non accontentarsi della mediocrità. La Compagnia Polo delle Arti è in grado di trasformare bei sogni in splendide realtà e la Rassegna segna il punto di partenza per grandi collaborazioni professionali con il Teatro Laboratorio S: Margherita. Il Polo delle Arti Teatro Danza è alla Via Grisignano di Salerno, competenza, professionalità, passione, amore Per dirla alla Molière “Non c’è niente di più necessario all’uomo della danza…”

Gran finale stasera con la coppia Bonelli/ Avallone e la compagnia comica salernitana. O figlio e’ pàtemo”, è una commedia brillante ed esilarante scritta a quattro mani dal duo comico del Teatro Arbostella Giovanni Bonelli e Andrea Avallone. I due cavalcano l’onda di un momento, fantastico, che meritano tutto, perché fanno del teatro un gioco da vivere intensamente. In scena sono come un onda anomala che travolge di entusiasmo. Lo spettacolo nello spettacolo, un canovaccio che si ripete sera per sera con nuove gags e trovate. Il copione è solo un indizio. Il resto viene lasciato alla loro inventiva alla loro fantastica arte d’improvvisare. Ore 21 Arena Teatro S. Margherita vi aspettiamo.

ALLA RASSEGNA DI S. MARGHERITA GIRARDI NON SI OFFENDE

STASERA LA “COMPAGNIA POLO DELLE ARTI” IN “DRACULA FELICE E CONTENTO”

Se ridete non mi offendo” è lo spettacolo scritto da Ivano Montano con il quale Ciro Girardi ha dato, con il suo garbo e la sua verve, l’ennesima pennellata comica a questa Rassegna che sta dando tante soddisfazioni a Lello Casella e Sabrina Tortorella, organizzatori della Kermesse. Lo spettacolo è una cavalcata di comicità, un percorso a ritroso dall’infanzia a oggi. Ricordi di “paliate”, dalla scuola alla “Via”, ai pranzi di Zi “Ngiulina”. Il rapporto genitori figli dell’epoca: gli anni ’70. Girardi “scomoda” pure Trilussa e il suo “uccelletto”. Riscalda la voce, poi canta, accompagnato alla chitarra da Attilio Gargano. Coinvolge il pubblico, gira intorno a macchiette napoletane. Il repertorio è semplice ma efficace, il ritmo è incalzante, sfiora battibecchi con un pubblico che in prima fila vuole essere protagonista.  Propone nel finale uno di quei personaggi celebri la “Signora”, un suo pezzo da 90. Il pubblico applaude e si diverte. Girardi riceve il Premio S. Margherita Arte e Teatro per la trasmissione “VAR” in onda su Lira Tv. Don Carmine De Angelis ordinato sacerdote nella Cattedrale di Salerno, in data 28 giugno u. s. insieme ad altri suoi due fratelli, consegna il premio.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Stasera penultimo appuntamento in cartellone la “Compagnia Polo delle Arti” presenta “Dracula Felice e Contento” tratto da Dracula morto e contento (Dracula: Dead and Loving It) è un film commedia horror del 1995, diretto da Mel Brooks. È una parodia del romanzo Dracula di Bram Stoker (con varie differenze: per esempio nel film chi va in Transilvania è Renfield, mentre nel libro è Jonathan Harker), ma l’avventura è sempre incentrata sul combattimento contro Dracula, il “Re dei Vampiri“. Numerosi i riferimenti anche alle pellicole ispirate al romanzo, dal classico Dracula di Tod Browning del 1931 al Dracula di Bram Stoker di Francis Ford Coppola.

COMPAGNIA POLO DELLE ARTI
COMPAGNIA POLO DELLE ARTI

Il film è l’ultimo di cui Mel Brooks ha firmato la regia.

Valeria Alfano è la coreografa della Compagnia Polo delle Arti a cui rivolgiamo alcune domande.

Quando e come nasce l’Associazione Polo delle Arti?

Nasce 8 anni fa dalla mia volontà di creare una diversa realtà artistica sul territorio.

La compagnia tiene corsi di Dancing Theater (comprensivi di danza classica modern hip hop e laboratori teatrali) per allievi e allieve dai 3 anni in su.

Diversi gli spettacoli messi in scena negli anni scorsi con un entusiasmante riscontro del pubblico.

Ricordiamo Frankenstein Junior, Sister Act e Ratatouille assieme a quest’ ultimo Dracula Felice e Contento.

Il focus principale del Polo delle Arti è quello di lavorare sulle potenzialità di ogni singolo allievo e portare fuori la passione e la grinta del fare di ognuno alla massima espressione.

A tale scopo ha preparato una location invidiabile sul territorio, per altro cardio protetta, per i propri corsi nelle sua nuova sede in via Grisignano 4, zona Torrione Salerno.

Parlaci di questo lavoro “Dracula Felice e Contento”.

E’ tratto dal film “Dracula Morto Contento” di Mel Brooks. Con la coreografa Cristina Ciafrone abbiamo deciso di non farlo morire per non rattristare la platea visto che è un Dracula amabile. E’ preso di mira dalla sua ultima vittima Lucy che vuole farlo diventare a tutti i costi vegetariano.

Come lo definiresti? Un musical?

No, Dancing Theater perchè associa danza e recitazione.

In ultimo ci vuoi ricordare quante persone sono impegnate nello spettacolo?

Siamo in tantissimi, ti faccio un elenco completo?

Si fallo

Eccolo

Interpreti
Dracula Michele Cicchetti
Dr.ssa Seward Eva Autori
Lucy Cristina Ciafrone
Mina: Valeria Alfano
Dr.ssa Van Helsing Rossella Chiarello
Renfield Alessia Mari
Governante Miriam Dell’Isola
Pescatore Francesca Aliberti

Pipistrelli e Governanti:
Francesca De Sio
Samira Rispoli
Martina D’Avascio
Sofia Criscuolo

Transilvane,Vampire e Dame Inglesi
Giulia Chiarello
Lara Natale
Giulia Natale
Ludovica Criscuolo
Sara Amabile
Federica Verrone
Michela Crisconio
Alessandra Apicella
Alessandra Cirino

Vogliamo ricordare l’appuntamento?

Vi aspettiamo questa sera alle ore 21 presso l’Arena Teatro S. Margherita nel Quartiere Pastena di Salerno.

ASPETTANDO I BARBUTI TRE SERATE A SANTA APOLLONIA

Tre serate da non perdere. Torna, da domani venerdì 19 a domenica 21 luglio, la terza edizione della rassegna “Aspettando i Barbuti”. Palcoscenico d’eccezione, sempre alle ore ventuno, la Chiesa di Sant’Apolonnia nel cuore della città vecchia di Salerno. Si tratta, secondo il credo del regista Antonello De Rosa e della truppa di Scena Teatro Laboratorio, di un vero e proprio omaggio alla parola. Al teatro della parola, potenza scenica senza eguali.

S’alza il sipario grazie alla recitazione di venti ragazzi ed attraverso lo spettacolo “Esercizi di Stile”, una sempre metodica e tenace rielaborazione dell’artista salernitano del testo di R. Queneau. A far palpitare il pubblico presente i protagonisti Simona Avallone, Camilla La Corte, Marianna Avallone, Simona Mennonna, Giuliano Pedrizzi, Emilia Battipaglia, Davide Pellegrino, Rita Casale, Sara Scalea, Maria Russo, Valentina Merlo, Ludovica Bosco, Giusi Pappalardo, Nicholas Schettini, Giuseppe Catalano, Carla Lordi, Michele Giorgio Gaggia, Emanuele De Cristofaro, Manuel Chianese, Francesco Pisapia, Pasquale Ventura, Massimo Ernesto Gugliucci, Francesca Milone e Carolina Martina. “Una recitazione della stessa cosa, ma in modalità differenti”, a sottolinearlo è lo stesso De Rosa.

Nelle ultime due serate, di un intenso fine settimana, spazio agli omaggi a Viviani ed Eduardo: rispettivamente con “Giorno e Notte” (in scena Teresa Massaro, Maria Mazziotti, Giovanni De Santis, Giusy Lamberti, Angela Avallone, Samanta Leone, Franca Guarino, Rosalba Ronca, Anna Renzi, Sabrina Fiore, Gennaro Rosa, Carlo Simeoni, Rosanna De Bonis, Michele Odierna, Rosa Muto, Raffaella Civitillo, Anna Casabuti, Sabino Cassese e Giovanna Cassese) e “Pari e Dispari” (protagonisti Chiara Morandin, Donatella Forte, Renato Rescigno, Mirella Costabile, Loredana Veneziano, Enza Barone, Grazia Savignano, Luisa Calascione, Andrea Sica, Sara Zito, Daniela Guercio, Brunella Peduto, Carmela Liguori, Antonella Mastrolia, Cristiano Candurro, Nina Stimolo, Angelo Dell’Orto, Francesco Cesareo, Rossana Cantarella, Sabino Cassese, Rosalba Ronca). “Ho voluto rendere un doveroso omaggio – commenta De Rosa – a questi due grandi autori, figli della nostra terra. Viviani spesso dimenticato e relegato ad una cosiddetta serie b. Eduardo, invece, acclamato e ricordato. In questi spettacoli si alterneranno momenti intensi di prosa, ma anche di tango, che prenderanno vita direttamente attraverso il testo”.

Si prevede il tutto esaurito in un tris in notturna dove Antonello De Rosa, ancora una volta, preferisce utilizzare testi non consueti, rompendo gli schemi e le righe del teatro. Così facendo, continua a stuzzicare la curiosità culturale del singolo spettatore. La rassegna si concluderà da venerdì 26 a domenica 28, presentato da Scena Teatro Stage, con “Nozze di sangue” di F.G. Lorca.

Fabula 2019: Chef Rubio e Enzo De Caro i primi ospiti della decima edizione

Chef Rubio ed Enzo De Caro hanno accettato l’invito a Bellizzi
In Arena Troisi, a 25 anni dalla sua scomparsa, il ricordo della maschera napoletana insieme al “bello” de “La Smorfia”.
Si parte l’1 settembre: c’è posto ancora per pochi giovani creativi
E sul web gli amici vip di Fabula annunciano il loro probabile ritorno per il decennale
Nuovo anche il manifesto per  l’anniversario affidato alla genialità dell’artista Morena Fortino
Bellizzi, 12 luglio 2019 Chi ci è stato non vede l’ora di tornare, chi ancora non lo ha fatto è pronto a viverne le emozioni. È l’energia travolgente di Fabula, il Festival della scrittura dei ragazzi che, in occasione dei suoi primi dieci anni di Premio ha già iniziato ad allargare le sue braccia ai grandi protagonisti dello spettacolo invitandoli alla grande festa.

Questa presentazione richiede JavaScript.


Accadrà dall’1 al 6 settembre a Bellizzi, il Comune più giovane della provincia di Salerno che torna ad offrirsi come quartier generale della creatività, ma anche crocevia dei big del cinema, della televisione, del teatro, le star del web, i premi Oscar, amici vecchi e nuovi tutti convocati per il ragguardevole traguardo.
All’appello hanno già risposto due grandi nomi. Confermata la presenza di Chef Rubio, ovvero Gabriele Rubini, ex rugbista frascatano divenuto celebre con il programma cult tv sullo street-food “Unti e Bisunti” e attualmente in onda con “Camionisti in Trattoria”. L’annuncio ha da giorni scatenato i fan del simpatico conduttore televisivo che piace a grandi e piccoli: è probabile che porterà anche al Fabula il suo linguaggio giocoso ma autorevole magari per confrontarsi con i creativi e suggerire loro uno stile di vita salutare anche sul fronte dell’alimentazione, oltre a spoilerare, si spera, qualcosa sui suoi prossimi impegni professionali.
Ha detto sì anche Enzo De Caro: erano gli anni ’70 quando insieme a Massimo Troisi e Lello Arena, con il gruppo teatrale “La Smorfia” portava alla ribalta la comicità napoletana. E quando il trio si è sciolto l’attore partenopeo ha intrapreso una lunga carriera al cinema e in tv, partecipando a tante fiction di successo, come la serie più recente, “L’amore strappato”, diretta da Simona Izzo e Ricky Tognazzi, liberamente ispirata ad una vicenda reale in cui ha interpretato un padre vittima di un errore giudiziario.
Ma La Smorfia gli è rimasta nel cuore, così come l’amicizia per l’amico Massimo, del quale quest’anno ricorrono 25 anni dalla scomparsa. Per questo, la sua venuta a Bellizzi, tra l’altro proprio in quell’arena a lui dedicata, sarà l’occasione per rendere omaggio all’ineguagliabile compagno di viaggio con il quale la vita professionale e privata di De Caro per tanti anni si è intrecciata.
Quanto agli elaborati (favole, fiabe e racconti) sono oltre 400 quelli ammessi alla sei giorni: gli autori vengono da tutta la Campania. È ancora possibile partecipare cliccando sul sito www.premiofabula.it ma non sono rimasti che una spicciolata di candidature disponibili.
Ancora in stand by il carnet completo dei protagonisti dell’edizione 2019 che verrà svelato più avanti. Tanti gli ospiti delle precedenti edizioni invitati a ritornare e che hanno risposto via web, lasciando in sospeso la loro probabile venuta. Così ha fatto per esempio Luca Ward, che in un video postato sulla sua pagina social ufficiale, ha augurato in bocca al lupo a tutta la squadra del Premio concludendo che, impegni professionali permettendo, ritornerà ad abbracciare la folla di Bellizzi.
Per Fabula 2019 nuovo è il manifesto che annuncia e celebra questo primo importante anniversario del Festival, affidato all’artista Morena Fortino, che ha fatto della fantasia l’unicum della sua opera. Eccola la facoltà della mente di creare immagini raffigurata un po’ umana, un po’ pesce e un po’ uccello, «perché non esistono briglie che possono legarla – spiega l’ideatrice – la testa liquida e fiammeggiante è un ossimoro vivente, le mani lunghe e affusolate reggono l’universo. Libera e caleidoscopica, plana sul dieci di Fabula». L’intera opera è stata realizzata con il papercutting, una tecnica di intaglio della carta che richiede pazienza e perseveranza, gli stessi valori perseguiti ed alimentati dalle origini a oggi.

Pubblico numeroso ieri sera all’Arena S. Margherita

Terza serata della Rassegna S. Margherita Arte e Teatro in scena Compagnia Comica Salernitana con lo spettacolo “Essere o non essere… qual è il problema?”.

Un testo di una semplicità sconcertante, ma la coppia Bonelli e Avallone, insieme alla bravissima Rita Cariello, hanno divertito. Un viaggio esoterico, esilarante, incalzante, comico. Il teatro innesca nelle sue dinamiche strani meccanismi cerebrali che possono trovare nelle varie fasi del sogno il proprio sfogo naturale. Sdoppiamenti di personalità, isterismi, coinvolgimento, rompono la barriera sottile che divide gli attori dal pubblico.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Il gioco del teatro è’ un gioco semplice, naturale, spontaneo. Il pubblico è parte integrante dello spettacolo, l’anello di congiunzione naturale.

I tre attori (Bonelli comico e spalla di Avallone, la Cariello guastatrice e brillante caratterista) sono presi dalla necessità di “destare” l’attenzione dello spettatore coinvolgendolo, nelle varie fasi oniriche, al fine sia di valorizzarne i vari livelli di cui è composto, sia di fornire ai personaggi che interpretano nuove possibilità esperienziali. Non si propongono di certo come obiettivo l’immedesimazione del pubblico nell’azione scenica, amano, invece, svelare esplicitamente e quasi smascherare la finzione teatrale in quanto tale, come per richiamare gli spettatori alla consapevolezza di star partecipando insieme con loro ad un gioco che li diverte entrambi.

Lo spettacolo piace perché in esso viene valorizzato il gioco delle parti, che è divertirsi e divertire sottolineando, per trarne aspetti comici, il carattere fittizio e ludico dell’evento teatrale.

Questa presentazione richiede JavaScript.

“O teatro nun se po’ fa’!”… però giocare con il teatro è’ il sogno più bello da realizzare per un teatrante. Bonelli, Avallone e Cariello, ieri sera, sono riusciti a farlo diventare una splendida realtà.

Lo spettacolo, mai banale, nella sua semplicità ci regala tre attori appassionati che con umiltà compiono un percorso intriso di tanta professionalità e dedizione.

Stasera invece si cambia genere ma non magia. Il teatro offre vari spunti e tematiche in grado di esaltare qualità intrinseche e creatività.

Lucia Quaranta è l’esempio più classico della creatività espressiva, dinamica e coinvolgente. Un tuffo ne “Il mare non è’ acqua…” vuole avvolgere, toccare e far vivere emozioni antiche e spingerle fuori. La forza del mare non è’ solo l’acqua, ma il suo ansimare, caricare, violare nella sua accezione più tempestosa. Ma il mare ha anche la forza di curare, accarezzare, levigare, nella sua calma e infinita immensità. Vi invitiamo, quindi, a fare un tuffo nel “Il mare non è acqua…” alle ore 21, ingresso gratuito.

Teatro Arbostella: pronto cartellone XIV stagione teatrale Lunedi 15 luglio la presentazione

Sarà presentata alla stampa, alle ore 10 di lunedi 15 luglio 2019  la XIV stagione del Teatro Arbostella di Salerno.

Il decano direttore artistico della rassegna Gino Esposito,dopo un’attenta scelta delle numerose compagnie che si sono proposte ha deciso di miscelare esperienza, freschezza e soprattutto qualità nel nuovo cartellone con testi divertenti, ma con compagnie accomunate tutte da una visione personale, originale ed intelligente della risata.

TEATRO ARBOSTELLA
TEATRO ARBOSTELLA

I dettagli dell’intera stagione teatrale, della campagna abbonamenti (con sconti vantaggiosi per alcune categorie) e le numerose iniziative sia del periodo estivo (Arena Arbostella) che invernale (laboratori teatrali adulti/ragazzi, eventi periodo natalizio,ecc) che si susseguiranno nel prossimo anno, saranno illustrate presso la sala del Teatro Arbostella dallo stesso Direttore artistico Gino Esposito e dalla presidente del teatro Immacolata Caracciuolo.

Chiunque vorrà poi da lunedì sera 15 luglio sino al 31 luglio, e dal 2 al 27 settembre 2019, potrà sottoscrivere l’abbonamento a 10 spettacoli al costo, invariato rispetto alla passata stagione di 90 euro. La direzione del teatro comunica inoltre che, essendoci stata un vasta adesione al rinnovo della tessera da parte dei vecchi abbonati, il numero degli abbonamenti invenduti è molto limitato, per cui si consiglia di affrettarsi all’acquisto.

Il botteghino sarà  aperto nelle suddette date dal lunedì al venerdì, dalle 19.30 alle 21.30.

Aspettando i Barbuti

Si apre il sipario, questa sera alle ore 21 nell’incantevole scenario della Chiesa di Sant’Apollonia con lo spettacolo “Buoncompleanno”, della terza edizione della rassegna “Aspettando i Barbuti”.

Giovani, di laboratori e non, e compagnie emergenti a confronto con il pubblico in una rassegna libera ed indipendente: da una idea di Antonello De Rosa, in tandem con Scena Teatro ed il Teatro dei Barbuti, ed in ricordo di Peppe Natella. Alla regia, anche sabato 6 luglio e sempre alle 21 (ingresso, 10 euro), Antonello De Rosa con protagonisti Teresa Massaro, Carlo Simeoni, Franca Guarino, Danilo Ercolini, Rosanna De Bonis, Rosalia De Blasio, Anna Maria Lorena Stimolo, Caterina Ianni, Carmen Amoroso, Anna Casaburi. La piecè teatrale vuole essere, per il regista e attore salernitano, un omaggio ad Annibale Ruccello: autore di cui De Rosa è sicuramente uno dei maggiori esponenti italiani. Uno spettacolo dove si intersecano vari testi dell’artista di Castellamare di Stabia. Una scelta basata sulla parola, ben mirata e che va oltre la recitazione stessa, pronta a divenire racconto di vita e di vite. Quella parola che oggi più che mai abbiamo perso perché abituati alle tastiere dei computer o peggio ancora a quella dei telefoni. In scena la forza è nell’attore, nella sua energia e nelle sue emozioni. Antonello De Rosa fa divenire i protagonisti sul palco il nucleo principale ed unico dello spettacolo. “Apriamo la rassegna con questo spettacolo – commenta Antonello De Rosa – perché sono particolarmente legato ad Annibale Ruccello, punto di riferimento e di ispirazione importante. Questa rassegna vuole rappresentare la possibilità di trasmettere al pubblico l’amore per il teatro e far capire che si può essere protagonisti anche essendo spettatori. Queste dieci serate, infatti, sono indirizzate e proiettate ai laboratori e alle nuove proposte rompendo gli schemi tradizionali affinchè tutto si rigeneri”. Scena Teatro Laboratorio venerdì 12 e sabato 13 , rigorosamente alle ore 21 e sempre con alla regia Antonello De Rosa, presenta “Ammazali”: da J. Trianà e con Caterina Ianni, Anna Maria Lorena Stimolo e Carmen Amoroso. Venerdì 19 è la volta di “Esercizi di stile” di R. Queneau, sabato 20 omaggio a Viviani con “Notte e giorno” e domenica 21 omaggio a Eduardo con “Pari e dispari”. La rassegna si concluderà da venerdì 26 a domenica 28, presentato da Scena Teatro Stage, con “Nozze di sangue” di F.G. Lorca.

PREMIO CHARLOT XXXI EDIZIONE

E’ stata presentata presso la Sala del Confalone del Comune di Salerno la XXXI edizione del Premio Charlot che si svolgerà nella suggestiva Arena del Mare.

Le date:

Start 7 luglio alle ore 21 con lo spettacolo di GINO RIVIECCIO “Cavalli di ritorno”, si prosegue dal 8 al 15 con una serie di docufilm in omaggio a CHARLIE CHAPLIN tutte le sere con inizio proiezione alle 20.

19 Luglio serata organizzata in collaborazione con l’Associazione Geniu Loci diretta da Mimmo Spena, tutta dedicata al Blues, che vedrà come protagonista l’artista americano DOYLE BRAHMALL.

21 luglio è dedicato ai 60 anni di carriera di una delle espressioni più rilevanti della musica italiana e partenopea, PEPPINO DI CAPRI che si esibirà in concerto accompagnato dalla sua orchestra. Verrà consegnato il Premio Charlot Teatro all’artista poliedrico LEO GULLOTTA.

22 luglio in scena la Compagnia dell’Arte con “Hakuna Matata”, family show.

23 luglio spettacolo di illusionismo con artisti internazionali coordinati da GAETANO TRIGGIANO “THE MASTER OF MAGIC”.

Serata all’insegna della comicità il giorno 24 luglio condotta da MARITA LANGELLA, con artisti di levatura nazionale quali MASSIMO BAGNATO, DADO, CARMINE FARACO e DARIO CASSINI.

25 luglio “Charlot Giovani” il festival degli artisti emergenti. Il tutto sarà allestito e curato dall’autore televisivo ALESSIO TAGLIENTO in collaborazione con DIEGO CAJELLI. GIGI E ROSS saranno i conduttori della serata che culminerà con la consegna dei Premi Charlot per Cinema e Teatro a ADRANO GIANNINI e GIULIANA DE SIO, ospiti della serata FRANCESCO CICCHELLA e TONY FIGO.

Protagonista MAX GIUSTI con la sua Band il 26 luglio, preceduto dalla consegna dei Premi Charlot Cinema a al produttore CLAUDIO BONIVENTO, pluripremiato ai David di Donatello, Nastro D’Argento ed alla mostra di Venezia con la produzione di molti film da “Ecceziunale Veramente” a “Sapore di Mare”; ed al regista NERI PARENTI, famoso per i film che hanno fatto la storia della commedia italiana come “Vacanze di Natale”, “Tifosi”, “Paparazzi”. Verrà consegnato il Premio Charlot Giornalismo alla giornalista di Sky HELGA COSSU. La serata sarà condotta da NUNZIA SCHIAVONE con interventi dei giornalisti PAOLO GRALDI e VALERIO CAPRARA.

Gran finale il giorno 27 luglio con una serata unica presentata da METIS DI MEO in omaggio a MASSIMO TROISI e PINO DANILE diretta da RADIO RAI TUTTA ITALIANA, coordinata e progettata da GIANMAURIZIO FODERARO e curata da ENZO DE CARO. Nel corso della serata ci saranno interventi di tanti artisti e sarà consegnato il Premio Charlot Fiction a LINO GUANCIALE.

“E’ doveroso ringraziare la Regione Campania ed il Comune di Salerno che anche quest’anno non hanno fatto mancare il loro sostegno al Premio Charlot, insieme con l’Autorità Portuale. – dichiara il direttore artistico Claudio Tortora – Con questa edizione si volta pagina.

Ogni sera ci sarà molto più spettacolo, intervallato a volte da premiazioni volti noti del teatro, del cinema e della televisione, che saranno intervistati e potranno avere lo spazio dovuto, a chi riceve un premio ormai ambito. Abbiamo preferito operare questa scelta, poiché avvertivamo l’esigenza di un cambiamento dopo trent’anni di manifestazione.

Abbiamo avvertito anche il bisogno di attenzionare artisti di grande livello della nostra regione, nella nostra kermesse che è diventata, nel corso di tutto questo tempo, un punto di riferimento del panorama nazionale ed anche internazionale dello spettacolo e della cultura. Appuntamento quindi con la XXXI edizione del Premio Charlot dal 7 Luglio al 27 Luglio presso l’Arena del Mare di Salerno Tutte le serate saranno ad ingresso gratuito con inizio alle 21.30 fino ad esaurimento posti”.

Guarda anche…

Ultime repliche al TEATRO S. MARGHERITA

Ultime due repliche del fortunato spettacolo “26 a farmacia e 4 o teatro”!

Lo spettacolo “26 a farmacia e 4 o teatro” da un’ idea comica di Lello Casella è organizzato dall’Associazione“SimonCirteatroragazzi” che opera nel quartiere da circa cinque anni, con il Patrocinio del Comune di Salerno.

Sul palco: Gaia Bassi, Lello Casella, Sabrina Tortorella, Francesco Ferrara, Vincenzo Citro, Enzo Melillo, Eva Autuori, Rossella Chiarello, Maria Luisa Pirri.Grafica, montaggio digital-audo-video Ciro Casella.

Idea scenica di Sabrina Tortorella, Scenotecnica Enzo Citro, Mario d’Amato.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Lo spettacolo vede la partecipazione di Paolo Molinari alla chitarra e di Ugo Rodolico alle percussioni. Le coreografie sono state curate dalla New Space Dance di Francesco Boccia.

La trama molto semplice si svolge all’interno di una farmacia e nel teatro di quartiere. Narra delle vicessitudini di Ninì fidanzata (Rossella Chiarello) prima e moglie poi (Gaia Bassi) che smania dalla voglia di esprimere la sua “verve artistica”.

Nel teatro recita il marito Arturo (Lello Casella), un “medico mancato” che non si avvede “pè gelusia o pè chissà che cosa” dell’enorme talento della moglie.

Ninì, suo malgrado, è soffocata, imprigionata in una vita da casalinga repressa, ma Celeste (Sabrina Tortorella), proprietaria del teatro, intuisce che quella donna è un talento emergente. Uno spettacolo, divertente, dal ritmo incalzante, bellissime scenografie che si lascia godere fino alla fine.

Nel popoloso quartiere di Pastena all’uscita della tangenziale di Salerno e vicino alla fermata della metropolitana, il Comune di Salerno, grazie all’impegno del Consigliere Nico Mazzeo, ha voluto fermamente la nascita di un nuovo polo culturale al servizio della zona orientale e della intera città che dal primo aprile sarà oggetto di adeguamento.

Saranno fissate le nuove poltroncine e sarà installato il nuovo impianto audio e luci.

Per tale motivo le date di aprile saranno spostate a maggio pv.

Seguirà la terza edizione della Rassegna S. Margherita Arte e Spettacolo, da giugno e fino al 20 luglio, un ricco cartellone di teatro comico, musica, narrativa e di arte in genere.

Un itinerario del gusto e della gastronomia salernitana farà da cornice alla Kermesse.

Ultime repliche dello spettacolo in cartellone: 30 e 31 marzo 2019 

Sabato ore 21.00 domenica ore 19.15.

INAGURAZIONE del TEATRO S. MARGHERITA

Debutto della Compagnia Teatrando Teatro a Salerno presso il Laboratorio Teatro S. Margherita in Via F. D’Allora, a Pastena.

Nel popoloso quartiere  il Comune di Salerno ha voluto fermamente la nascita di  un nuovo polo culturale al servizio della zona orientale e della intera città.

Dal 19 Marzo la Compagnia presenta lo spettacolo  “26 a’ farmacia e 4 o’ teatro” da un’ idea comica di Lello Casella, organizzato dall’Associazione “SimonCirteatroragazzi” che opera nel quartiere da oltre cinque anni.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Protagonista l’attrice cantante Gaia Bassi di recente in Compagnia con Massimo Ranieri  nello spettacolo “Teatro del Porto” di scena anche al Teatro Verdi di Salerno, ma anche di  C’era una volta ….scugnizzi” di Enrico Vaime e Claudio Mattone con Sal Da Vinci, Signori in Carrozza con Giovanni Esposito e Ernesto Lama  per la regia di Paolo Sassanelli, Riccardo III  protagonista femminile nel ruolo di Lady Anna con la regia di Massimo Ranieri, Viviani Varietà con la regia di Maurizio Scaparro, Italiano di Napoli protagonista femminile con la regia di Alessandro Siani, con Sal Da Vinci. Interprete di fiction TV  di successo ( Un posto al Sole, La Nuova Squadra 2, Baciati dall’Amore). Sul palco con lei  Lello Casella, Sabrina Tortorella, Francesco Ferrara, Vincenzo Citro, Enzo Melillo, Eva Autuori, Rossella Chiarello, Maria Luisa Pirri.

Grafica, montaggio digital-audo-video Ciro Casella. Idea scenica di Sabrina Tortorella Scenotecnica Enzo Citro, Mario d’Amato.

Lo spettacolo vedrà la partecipazione dei professionisti Paolo Molinari alla chitarra e di Ugo Rodolico alle percussioni. Le coreografie saranno a cura della New Space Dance  diretta dall’artista Francesco Boccia, ballerino e maitre de ballett salernitano.

Un cast tutto locale a dimostrazione della grande creatività intrisa nel panorama artistico della città. La trama molto semplice narra delle vicessitudini di Ninì fidanzata prima e moglie poi che smania dalla voglia di esprimere la sua “verve artistica”. Nel teatro di quartiere recita il marito Arturo che non si avvede “pè gelusia o pè chissà che cosa” dell’enorme talento della moglie. Ninì ,suo malgrado, è soffocata, imprigionata in una vita da casalinga, repressa, ma Celeste, proprietaria del teatro, intuisce che quella donna è un talento emergente.

Lo spettacolo è grottesco, surreale, scandito da ritmi incessanti, ricco di spunti comici, doppi sensi, musica, danza, che serviti “fumanti” portano il pubblico in un estasi esilarante di risate e di applausi.

Il risultato è garantito. Uno spettacolo semplice, pulito, che si lascia godere fino alla fine.

Il teatro è semplicità, amore, trasmettere al pubblico il proprio stato d’animo un  “teatro povero dove sono poveri anche i sentimenti”. Siamo  per la felicità a teatro, per la pura evasione, per la semplicità dei gesti e per la “povertà” intesa nell’accezione più nobile  del significato. Il nostro dialetto, la nostra tradizione, la nostra spontaneità, la nostra felicità.

A Voi non resta che affollare il Laboratorio Teatro Santa Margherita che si avvia a proporre un cartellone, anche per i prossimi mesi, nel segno della comicità e dell’arte “Povera”: Cà se ride!!!!…. Sicuro!!!

Spettacoli: il 19 marzo 2019 serata di Gala, 22 e 23 marzo serate di beneficenza per il costruendo Centro Pastorale della Comunità di S. Margherita.

La programmazione proseguirà, vista la grande richiesta, nei fine settimana, con il seguente calendario: 24, 30, 31 marzo 2019, 6, 13 e 14 aprile feriali alle 21.00 festivi alle 19.15.

Un Natale DA RIDERE al Teatro Arbostella a Salerno

“’O figlio e’ pàtemo”, è una commedia brillante scritta a quattro mani dal duo comico del Teatro Arbostella Giovanni Bonelli e Andrea Avallone.

Lo spettacolo è condotto dalla verve istrionica di Andrea Avallone (Domenico Di Maggio) insieme al suo amico di merende Giovanni Bonelli (Sabato Di Maggio).

La trama narra che i due fratelli diventano eredi di un grande patrimonio.

A causa di un banale incidente domestico(Domenico) perde la memoria e il fratello “serpente” (Sabato) coglie l’occasione per sfruttare la disgrazia (E’ chi ti dice che è una disgrazia?) per farsi nominare tutore del fratello così da poter disporre dell’intero asse ereditario.

Ma le circostanze cambiano, il “serpente “è costretto, suo malgrado, a mordersi la coda in un finale che lascia posto a qualche riflessione.

Lo spettacolo è gradevole, il ritmo incessante.

In tale contesto viene esaltata la   maschera naturale di Andrea Avallone: La sua frenetica comicità o se vogliamo anche la sua drammaticità grottesca vive, cresce in tante dimensioni caratteriali.

Tanti sipari che si aprono, si chiudono, si riaprono.

Bonelli da ottima spalla accende questa espressione di teatralità: Sonda, sente, vive gli umori del pubblico e coglie l’attimo giusto per abbattere quel muro sottile invisibile, che divide l’azione che si svolge sul palco con lo spettatore.

Completano il cast una domestica barese Francesca Musa che riesce a riempire contesti utili al gioco scenico, il suo dialetto genera sottintesi ed i equivoci che scatenano gags a ripetizione.

Maria Rosaria Sellitti, un’inquilina sbadata che sconvolge l’habitat familiare.

Enzo Galdo, un neurologo a cui riesce difficile anche formulare la più semplice delle diagnosi, che si rivela funzionale nelle dinamiche di palcoscenico.

Uno spettacolo divertente, semplice, presentato con grande umiltà e passione, non privo di contenuti.

Una comicità che vale la pena di vivere nel calore di un teatro povero dove sono poveri anche i sentimenti.

Lello Casella

Un Vicolo in bianco e nero

È il nuovo spettacolo che la Compagnia Teatrando Teatro, del Laboratorio Teatro Santa Margherita, presenterà nell’ambito della Rassegna Battipaglia in Palcoscenico il 12 luglio p.v.

Lo spettacolo comico in due atti è stato scritto da Lello Casella per la regia di Sabrina Tortorella.

La trama, nella sua essenzialità, racconta di un attore (Lucariello) Lello Casella caduto in disgrazia, non lavora da ventitré mesi e mezzo.

Per caso gli capita sottomano un canovaccio appartenuto ad un suo antenato che tratta della condizione atavica dell’attore e della mancanza di spazi teatrali.

Cerca di allestire la messa in scena e chiede aiuto a un impresario che abita di fronte.

Roberta Manzo (Concetta) cerca di impedirglielo ad ogni costo in quanto legata al classico teatro napoletano di Eduardo e Viviani.

Lei non vede di buon occhio il progetto di Lucariello, lo boicotta con ogni mezzo: addirittura arriva a chiudere gli attori nei camerini, non perde occasione per denigrare e deridere il marito in un vortice di trovate esilaranti.

Intanto l’impresario aspetta la messa in scena del lavoro che Lucariello fatica a portare a termine.

Il finale è ricco di colpi di scena.

Riuscirà Lucariello a convincere l’impresario e a spezzare il suo digiuno di teatro?

Nello spettacolo si rivivono contaminazioni di culture e tradizioni diverse: la Tammorra, Viviani, Eduardo che si fondono con i ritmi di una messa in scena grottesca, esasperata, quasi irreale, scandita dai suoni africani del gruppo Utungu Tabasamu.

Il cast artistico è completato da Sabrina Tortorella Enzo Melillo, Vincenzo Citro, Maria Luisa Pirri, Martina Casaburi, Carmine Rinaldi, Pina Amato e la piccola Ginevra Saraceno.

Musiche originali eseguite dal vivo dal Gruppo di Percussioni UTUNGU TABASAMU

Direzione Artistica: Lello Casella

Suono: Ciro Casella

Registrazioni-Missaggio-Editing: Marco Santoro

Organizzazione Associazione SimonCir Teatro Ragazzi

Scene Teatrando Teatro

A NATALE “VACO A NAPOLI PE N’AFFARE”

All’Arbostella spettacolo comico con protagonisti la coppia Bonelli – Avallone

Metti che una sera mi viene voglia di farmi due risate. Prenoto una poltroncina ,aggiunta, in un lato di questo teatro a misura di spettatore e vengo coinvolto in un ambiente anni 30.
Mi trovo, infatti, proiettato all’interno del Salone Margherita .
La rivista, un can can di “effetto” assordante e con tante “porte” che si aprono.
Atmosfere antiche come dire un pò … retrò.
Il teatro è l’Arbostella a Salerno -zona orientale- dove la compagnia stabile, la Comica Salernitana, diretta come sempre da Gino Esposito si sta cimentando in un testo riscritto e riadattato da Giovanni Bonelli dal titolo: “Vaco a Napoli pe n’affare
L’idea sarà pure “banale” ma funziona, il pubblico viene coinvolto.
Si rivivono temi e cartoline di una Napoli che fù.
La Napoli dei grandi artisti, (tra i quali Viviani e Scarpetta) della cultura .
Interno della Galleria Umberto I . Un bar (o meglio un caffè di notte e giorno) dei clienti bizzarri a dir poco .
Una venditrice di giornali( Nicoletta Romano) uno scrittore, una coppia (a proposito da citazione la caratterizzazione di Rita Cariello,) un tenore” intonato” (Carlo Simeoni)
Artisti squattrinati che fieri della loro arte spontanea sbarcano il lunario in cerca di qualche contratto.
Tale condizione diventa l’occasione per questo “cafone sopra le righe” che ,già entusiasta spettatore del can can,(Giovanni Bonelli )insieme alla sua compagna (Anna Aurelio) una signora niente fronzoli che addirittura gli tiene testa ,lo controbatte e a volte lo asseconda.
Partono da Caivano e si trovano per la prima volta a Napoli per un affare.
Vogliono scritturare artisti per poi portarli al loro paese per allietare una festa.
Entrano in questo “cafè” e incontrano alcuni amici di vecchia data.
Uno di questi è un cameriere capellone (Avallone) .Lui è “O Masterascio” e lavora tra queste porte girevoli.
Gira con “chiavi e grimaldelli” e apre a piacimento anche la serratura di Bonelli.
Anzi lui soltanto ha la chiave giusta ,diciamo pure che lui è la chiave …sic!
In scena si piacciono ,si divertono, si completano, si aprono …Appunto!
Da quel momento in poi si sviluppano dinamiche divertenti.
Ritrovano tra i tavoli del bar un altro vecchio amico (Francesco Delli Priscoli) che li invita a casa sua.
In questa casa di Napoli gli scenari diventano a dir poco esilaranti.
Il padrone di casa è in cura psichiatrica e il suo medico (Troiano) lo assiste H24.
In questa casa si vive un clima “surreale”. Oltre a medico e paziente -lui vedovo da poco- si trovano, anche , due domestici: (Enzo Galdo) il veterano e (Francesca Musa) l’esordiente, compongono un micidiale mix di
caratteri che insieme all’ottimo (Delli Priscoli) fanno da spalla alle trovate spontanee della coppia “masterascio e serratura” alias Bonelli – Avallone.
Il prodotto finale è godibile, pulito.
Nella sua semplicità la vicenda ha dei ritmi che funzionano a meraviglia .L’affare è fatto.
All’Arbostella la risata è sempre di scena.
Completano il cast gli attori esordienti Daniele Galdi, Annachiara Sammarco, Gioia Villani, Ciro Caroniti e Annalisa Apicella che, grazie alla singolare direzione artistica di Gino Esposito, fanno la loro bella figura. Una semplicità che cattura il pubblico.
L’essenzialità alla fine è quello che conta a discapito di tanti “soloni” delle scene, che preferiscono stare sul relativismo del “così è se vi pare” per (stravolta) interpretazione pirandelliana, piuttosto d’avventurarsi nella semplice concretezza.
Il lavoro sarà in scena al teatro Arbostella martedì 26 Dicembre ore 20:30 e mercoledì 27 Dicembre ore 21:30.
Quasi quasi me lo vado a rivedere ….”Se …Seeee” .
Lello Casella

GRANDE SUCCESSO COMICO

Questa presentazione richiede JavaScript.

Teatro S. Margherita Laboratorio

O’ fatt rò politeàm è lo spettacolo che la Compagnia Teatrando Teatro metterà in scena domani alle 20 e 30 nell’impianto sito, nel quartiere di S. Margherita il più popoloso di Salerno, alla Via F. D’Allora nei pressi dell’uscita della tangenziale di Pastena.

Il testo, comico in due atti, ideato da Lello Casella con l’adattamento e la regia di Sabrina Tortorella, è ambientato ai primi del 900 nel cuore della belle époque, in piena crisi del teatro classico di prosa.

La messa in scena molto semplice cerca di raccontare lo spirito del tempo e lo stato d’animo dei grandi maestri di prosa costretti, loro malgrado, a reinventarsi.

La scenografia trasforma il Teatro S. Margherita in una sorta di sipario che si apre su un ulteriore teatro.

Gioco, colore suggestione: Tutto in scena   dai costumi, agli arredi, alle luci, ai gesti, agli sguardi, richiama una crisi profonda che investe il teatro e lo costringe a mettersi in discussione.

Su quest’impianto storico-culturale Lello Casella mette la propria verve artistica, accanto a lui una Sabrina Tortorella scintillante che asseconda, coccola, gioca, vive e popola i suoi sogni.

Insieme a loro ci sono attori riottosi, quando non improvvisati, attrici, o presunte tali, alcune attratte dalle luci del varietà e dalla voglia di diventare famose soubrettres e poi i tradimenti, i compromessi e le bugie, raccontate in primis a se stessi, di un teatro che s’arrangia suo malgrado e si ridefinisce, proponendo un repertorio che pone un interrogativo importante: si tratta pur sempre di arte? Il teatro è diventato altro da sé o invece è morto? Sono questi gli spunti di riflessioni che si nascondono tra le pieghe dei personaggi, dei loro caratteri sapientemente studiati, tra malinconia, comicità e umorismo, affinché si possa recuperare un’arte di inestimabile valore quale il teatro, quello autentico.

Una citazione merita Gianmarco Citro che nell’immaginario onirico di Errico è uno squattrinato che diventa ricco fino ad insidiare l’amante.

Poi Roberta Manzo, la moglie, che subisce l’instabilità emotiva e sentimentale del marito viene “trascinata”, suo malgrado, in questo ” onirismo” fatto di intrigo, di cafè chantant.

Buone le caratterizzazioni di Vincenzo Citro, Marcella Mari, Giuseppe Noschese, Enzo Melillo.

Ordinate le interpretazioni di Pina Amato e Diodemo Dell’Orto

Lo spettacolo comico, tutto ritmo è arricchito da autentiche trovate coreografiche affidate a Francesco Boccia Art director della New space of dance di Salerno.

Il suo fantastico balletto popola il sogno di Enrico.

I ballerini sono la levità, la leggerezza, la carezza, la sensibilità ma anche animazione e sconfinamento.

Can Can fantasmagorici insieme a tango e tarantella   scandiscono   momenti di trasgressione, passione, sentimento, allegria.

La vicenda narra di un tradimento che si consuma in una casa in affitto e del sogno appagante che ne deriva.

Giacomina (Sabrina Tortorella) l’amante di Errico (Lello Casella) vuole assistere ad uno spettacolo di Cafè chantant al Politeama.

Errico che ha appena vissuto con lei ore di passione decide di accontentarla.

Giacomina felice si prepara per l’evento. Errico, invece, crolla in un sonno profondo: Sogna l’ingresso al Politeama con l’avvenente amante.

Da lì una serie di vicissitudini che li vede coinvolti in questa surreale messa in scena.

I personaggi, frutto dell’immaginario onirico, si presentano con caricature dell’espressione e dei caratteri, si fondono nei colori e nella vivacità dei ballerini che diventano i loro “angeli custodi” tesi ad elevarne – semmai-  virtù nascoste.

Lo spettatore è divertito, affascinato, coinvolto dall’intera vicenda e da un finale emozionante, coreografico.

Sul palco del S. Margherita un nutrito gruppo di attori attrici, ballerine, che ben si destreggiano tra vicenda, musica e iperbolici percorsi di teatro.

Attori: Martina Casaburi, Carmine Rinaldi, Pia Mari, Gaia De Angelis, Camilla De Angelis, Rosanna Scarano, Miriana Scarpa, Rossella Noschese, Benny Annunziata, Angelo Dell’Orto, Nicolò Motti

Scenotecnica: Angelo Cirillo Teatrando Teatro

Costumi su bozzetti d’epoca: Laboratorio Teatro Arbostella

Ballerine: Francesca Alberti, Margherita Buonomo Eleonora Marfella, Lucia Aprile, Martina Iannuzzelli Camilla Liguori, Giada Ciccullo, Alessandra Cavallo, Alessandra Mastrogiovanni, Teresa Guerritore Anna Falco

Coreografie: Francesco Boccia e Alessandra D’Onofrio

Assistenti: Danila Flauti, Silvana Barba

La ricerca musicale a cura di Ciro Casella ci porta nell’immaginario della passeggiata solita per Via Toledo che costituiva l’antipasto prima del divertimento, che aveva il suo tempio nella Galleria dove si trovavano i più celebri Caffè Chantant.

Lo spettacolo andrà in replica nei giorni di venerdì 15 e sabato 16 dicembre con inizio ore 20,30.

Info e prenotazioni 3385884051

STASERA DEBUTTO A TEATRO

Questa presentazione richiede JavaScript.

O’ fatt ro’ politeàm

è lo spettacolo che la Compagnia Teatrando Teatro metterà in scena nell’impianto sito, nel quartiere di S. Margherita, il più popoloso di Salerno, alla Via F. D’Allora nei pressi dell’uscita della tangenziale di Pastena.
Il testo comico, in due atti, ideato da Lello Casella con l’adattamento e la regia di Sabrina Tortorella, è ambientato ai primi del ‘900 nel cuore della belle époque, in piena crisi del teatro classico di prosa.
La messa in scena, molto semplice, cerca di raccontare lo spirito del tempo e lo stato d’animo dei grandi maestri di prosa costretti, loro malgrado, a reinventarsi.
La scenografia trasforma il Teatro S. Margherita in una sorta di sipario che si apre su un ulteriore teatro.
Gioco, colore, suggestione: tutto in scena dai costumi, agli arredi, alle luci, ai gesti, agli sguardi, richiama una crisi profonda che investe il teatro e lo costringe a mettersi in discussione.
Su quest’impianto storico-culturale Lello Casella mette la propria verve artistica.
Lo spettacolo comico, tutto ritmo, è arricchito da autentiche trovate coreografiche affidate a Francesco Boccia Art director della New space of dance di Salerno.

Sul palco del S. Margherita un nutrito gruppo di attori, attrici, ballerine che ben si destreggiano tra vicenda, musica e iperbolici percorsi di teatro.
Attori: Roberta Manzo, Pina Amato, Vincenzo Citro, Gianmarco Citro, Diodemo Dell’Orto, Enzo Melillo, Marcella Mari, Giuseppe Noschese, Martina Casaburi, Carmine Rinaldi, Pia Mari, Gaia De Angelis, Camilla De Angelis, Rosanna Scarano, Miriana Scarpa, Rossella Noschese, Benny Annunziata, Angelo Dell’Orto, Nicolò Mutti
Scenotecnica: Angelo Cirillo Teatrando Teatro
Costumi su bozzetti d’epoca: Laboratorio Teatro Arbostella
Ballerine: Francesca Alberti, Margherita Buonomo Eleonora Marfella, Lucia Aprile, Martina Iannuzzelli Camilla Liguori, Giada Ciccullo, Alessandra Cavallo, Alessandra Mastrogiovanni, Teresa Guerritore Anna Falco
Coreografie: Francesco Boccia, Alessandra Dono, Alessandra D’Onofrio
Assistenti: Danila Flauti, Silvana Barba
La ricerca musicale a cura di Ciro Casella ci porta nell’immaginario della passeggiata solita per Via Toledo che costituiva l’antipasto prima del divertimento, che aveva il suo tempio nella Galleria dove si trovavano i più celebri Caffè Chantant.
Lo spettacolo andrà in scena nei giorni di venerdì 1,sabato 2, sabato 9, venerdì 15 e sabato 16 dicembre con inizio alle ore 20,30.

TEATRO ARBOSTELLA

XII STAGIONE TEATRALE COMICA 2017/2018

Al Teatro Arbostella di Salerno presentato il nuovo cartellone 2017-18: testi di celebri autori interpretati da rinomate compagnie

E’ stato presentato questa mattina presso il Teatro Arbostella di Salerno, il cartellone della XII rassegna di teatro comico amatoriale che avrà inizio nella struttura di Viale Verdi il prossimo 30 settembre per terminare il 13 maggio del 2018. Il decano direttore artistico Gino Esposito insieme alla presidente Immacolata Caracciuolo, accompagnati dalla presenza istituzionale dell’assessore comunale Angelo Caramanno ha illustrato alla stampa gli appuntamenti in programma dal prossimo autunno nel piccolo ma funzionale teatro della zona orientale. Cartellone variegato anche quest’anno con una combinazione di autori classici e contemporanei, per un mix di tradizione e freschezza ma sempre mantenendo fermo il credo della comicità. “Un teatro che è diventato punto di riferimento per la zona orientale e non solo” sono state le parole dell’assessore Caramanno. Delle stesso avviso il direttore artistico Gino Esposito accompagnato dagli attori Giovanni Bonelli e Gaetano Troiano.
Si riparte dunque il 30 settembre, con la rinomata compagnia A.C.I.S. il Sipario di Napoli che presenterà un testo dal titolo “Il Padrone” tratto dall’Avaro di Molière e riportato in chiave partenopea con le magistrali interpretazioni di Rosario Giglio e Sasà Palumbo accompagnati da un gruppo di prima scelta. A seguire la Compagnia Comica Salernitana, la stabile dell’Arbostella si cimenterà in un esilarante testo riscritto e riadattato da Giovanni Bonelli dal titolo “Vaco a Napoli pe n’affare” dove si alterneranno sul palco numerosi personaggi, tutti caratterizzati dalla sapiente regia di Gino Esposito. A novembre esordio sulle tavole del palco di Viale Verdi per una compagnia partenopea affermata la CMS Mario Scarpetta che allieterà la platea con la classica e comica “Tre pecore viziose” di Eduardo Scarpetta, rivisitata in chiave del tutto particolare dalla regia di Mimmo Cacciapuoti. A dicembre un classico edoardiano di prim’ordine messo in scena da un gruppo salernitano di primo ordine che ha vinto premi in tutta Italia: La compagnia dell’Eclissi presenterà l’”Arte della Commedia” con il riadattamento di Felice Avella e la regia di Marcello Andria.
Dopo la pausa natalizia, dove la direzione artistica sta pensando a ricche sorprese, con spettacoli della Compagnia Comica Salernitana di Gino Esposito e l’Antica Italiana di Gaetano Troiano il cartellone ripartirà dal 6 gennaio 2018 con il ritorno di una rodata compagnia napoletana già ospite un paio di anni fa: il gruppo degli Zerottantuno, si misurerà in un testo dal titolo “E’ tornata zitella” tratto da Signori Biglietti di Rescigno e rivisitato da Felice Pace. Da fine gennaio e per i primi due week-end di febbraio un’altra storica conoscenza del pubblico dell’Arbostella: la compagnia TeatroMania di G.Tricarico porterà in scena un frizzante lavoro ridisegnato da Rino Grillo dal titolo “Matrimoni scombinati”.
A seguire risate con gli Amici del Teatro di Antonio Pollio che ritorneranno dopo il successo dello Scarfalietto dell’anno scorso con un altro testo scarpettiano dal titolo: “‘Na Commedia a richiesta”.
A marzo Gaetano Troiano con la sua compagnia All’Antica Italiana metterà in scena un raggiante ed umoristico “Non ci resta che maritarla” di Raffaele Caianiello. Ad aprile il turno di una delle compagnie storiche della rassegna: Gli Ignoti di Napoli misureranno la loro bravura in un altro capolavoro di Eduardo De Filippo dal titolo “La paura numero uno” con Marino Gennarelli e Patrizia Pozzi mentre la chiusura con il botto è affidata come sempre nelle mani della Compagnia Comica Salernitana che regalerà a maggio gli ultimi sorrisi di stagione al pubblico con un divertente testo di Samy Fayad dal titolo “Il Settimo si riposò”.
Illustrati infine ai presenti le attività laboratoriali sia per grandi che per piccini (curati dal maestro Gaetano Troiano accompagnato da un valido staff) che partiranno sempre da ottobre e termineranno con i saggi a giugno. Fissata inoltre la data della rassegna estiva Arena Arbostella in calendario quest’anno dal 28 agosto al 3 settembre.
Chiunque vorrà, potrà sottoscrivere l’abbonamento a 10 spettacoli al costo, invariato, di 90 euro da lunedi 17 luglio sino al 31 luglio, e dal 4 al 29 settembre 2017 (lun/ven 19.30-21.30). La direzione del teatro comunica inoltre che, essendoci stata un vasta adesione al rinnovo della tessera da parte dei vecchi abbonati, il numero dei carnet invenduti è molto limitato per cui si consiglia di affrettarsi all’acquisto. Sconti vantaggiosi per gli studenti universitari e stuzzicanti convenzioni per tutti.
Info e prenotazioni: www.teatroarbostella.it – 089-3867440 – 347-1869810