Archivi tag: giffoni valle piana

Al via domenica 4 la XXII edizione

NOVE APPUNTAMENTI AL GIARDINO PER CELEBRARE 22 ANNI DI TEATRO

Domenica 4 agosto al via la stagione estiva
Con Luciano Capurro e la Compagnia Stabile del Salone Margherita arrivano “Le Stelle del Cafè Chantant”
In cartellone anche l’Anfitrione con le dionisiache Caprioglio e Bovoli
Quattro le date affidate alle compagnie stabili e tre al TeatroRagazzi

Giffoni Valle Piana, 2 agosto 2019 Una nuova estate al Giardino degli Aranci da trascorrere al fresco di Giffoni Valle Piana mentre sul palco si alternano i protagonisti del teatro, le giovani leve, le compagnie del territorio e i grandi rappresentanti della finzione scenica italiana. Si costruisce così la nuova edizione estiva di Giffoni Teatro, la 22esima organizzata dall’associazione omonima, presieduta da Mimma Cafaro, in programma da domenica 4 a venerdì 23 agosto.
Nove gli spettacoli in cartellone. Si parte dopodomani, domenica 4, con la Compagnia Stabile del Salone Margherita in “Le stelle del Cafè Chantant” con Anna Caso, Lucio Bastolla, Carla Buonerba e il Balletto Le Belle Epoque. La regia è di Luciano Capurro. Divertimento assicurato tra comicità, canzoni, balli, virtuosismi ispirati alle memorie di quel mondo scandito da piume, ventagli, cilindri e paillettes. In scena un revival della Belle Epoque dei primi anni del ‘900, e i primi Cafè Chantant che fecero storia e costume popolare nell’Italia post-unitaria. Lo spettacolo vuole essere un omaggio ad un genere che dedicò uno spazio alla canzone classica napoletana, vide muovere i primi passi della “Sciantosa” e divertì platee entusiaste con “la macchietta”.
Il giorno successivo, lunedì 5, il primo appuntamento con il TeatroRagazzi. Protagonista la Compagnia Stabile Felippo Sgruttendio de Scafato gruppo “Peppino De Rosa” in “Sogno di una notte di mezzia sbornia”, adattamento di una pièce tra le più esilaranti di De Filippo.

Questo slideshow richiede JavaScript.


LA CHICCA Riflettori puntati sul palco del Giardino mercoledì 7 quando i protagonisti saranno Debora Caprioglio e Franco Oppini con Tonino Tosto, Barbara Bovoli e la partecipazione straordinaria di Enzo Casertano nell’Anfitrione per la regia di Livio Galassi.
Lo spettacolo restituisce il gioco degli equivoci, della perdita d’identità, dei doppi, degli dei che si fanno umani: Giove assumerà le sembianze di Anfitrione e Mercurio quelle del servo Sosia (emblematico il nome). Al centro una donna, Alcmena (Barbara Bovoli), sempre accompagnata dalla sua serva Bromia (Debora Caprioglio). Nel corso della rappresentazione, “la trama si complica, si contorce, si arrovella – dichiara il regista Galassi -. Fino al più esilarante, inestricabile, parossismo che solo il deus ex machina riuscirà felicemente a dipanare”. Renderà tutto più suggestivo, la proiezione, su fondo bianco, di alcune ombre a cura di SilviOmbre. Essenziale e toccante anche la scenografia. Musiche di Luciano Francisci. I costumi sono invece di Annalisa Di Piero. L’aiuto regia e l’organizzazione sono di Ludovica Costantini.

IL PROGRAMMA Giffoni Teatro prosegue venerdì 9 con la Compagnia Tandem In “Hollwood è tutta un’altra cosa”, spettacolo di Maurizio D’Eramo per la regia di Ciro Rusticale che racconta l’avventura in un condominio degli anni ‘60 dove si intrecciano storie di vita di tutti i giorni.
La stagione estiva riprende subito dopo Ferragosto, venerdì 16, ospitando la Compagnia Arcoscenico che sarà protagonista al Giardino di “Risate alla napoletana” (adattamento e regia Rodolfo Fornario) un omaggio ai maestri della Commedia dell’Arte, in particolar modo al grande Antonio Petito, il più grande Pulcinella della storia del teatro.
Lunedì 19 sarà la volta della Compagnia Giffoni Teatro in “Napoli – Juve? 3 a 0”, commedia di intrecci ed equivoci scritta e diretta da Rosario Muro con la partecipazione di Ciro Girardi.
TeatroRagazzi il giorno successivo, martedì 20, con la Compagnia La Pazza Idea, composta da persone con disagio psichico, volontari e operatori della Cooperativa Voloalto, in “Il Piccolo Principe 2.0”, uno spettacolo scritto appositamente per questi ragazzi speciali, la cui storia si ispira liberamente alla struttura drammaturgica della famosa favola di Antoine de Saint Exupery. Regia e sceneggiatura Rodolfo Fornario.
Mercoledì 21 toccherà alla Compagnia La Proposta in scena con “Una casa di pazzi, menti follemente equilibrate” di Roberto D’Alessandro e la regia di Alfredo Crisci. Il racconto si basa sulla legge Basaglia del 1978 che decretò la chiusura degli ospedali psichiatrici, strutture servite più ad emarginare e torturare che curare i pazienti affetti da disturbi mentali.
Con una divertentissima commedia della comicità classica napoletana che non manca di spunti di riflessione cala il sipario sulla XXII edizione di Giffoni Teatro. Ultimo appuntamento al Giardino venerdì 23 con l’Oratorio Unità Pastorale Giffoni – ANSPI con “O ditto antico nun fallisce maie…” di Gaetano e Olimpia Di Maio (regia Rosario Muro).

INFO UTILI Tutti gli spettacoli avranno inizio alle 21.30 al Giardino degli Aranci. Il costo del singolo biglietto per lo spettacolo di apertura con Luciano Capurro e la Compagnia Stabile del Salone Margherita è di 11 euro, 16 euro quello per la data del 7, 9 euro per le compagnie stabili del territorio, 5 euro per lo spettacolo del 23 agosto. Gratuito su prenotazione l’ingresso al TeatroRagazzi. L’associazione Giffoni Teatro propone anche un abbonamento per i nove spettacoli in cartellone al costo di 50 euro. Informazioni, prenotazioni e prevendita: Associazione Giffoni Teatro tel. 339 4611502; www.giffoniteatro.itinfo@giffoniteatro.it. Biglietteria: via P. Scarpone n.1; www.go2.it. Botteghino del Teatro nei giorni di spettacolo ore 19.00 – 21,30.

CON I FRATELLI GALLO CALA IL SIPARIO SULLA XX EDIZIONE GIFFONI TEATRO

In scena al Giardino i “Sette vizi napoletani” con la partecipazione dell’autore de “I Bastardi di Pizzofalcone” Maurizio De Giovanni.

 

Giffoni Valle Piana, 23 agosto 2017.

 

Ultimo appuntamento al Giardino degli Aranci con la XX edizione dell’evento organizzato e promosso dall’associazione omonima presieduta da Mimma Cafaro, con il sostegno del Comune di Giffoni Valle Piana.
Venerdì 25 agosto i fratelli Gianfranco e Massimiliano Gallo, due partenopei divenuti ormai nomi di spicco delle produzioni televisive, cinematografiche e teatrali, chiudono l’edizione estiva con “Sette vizi napoletani”, uno spettacolo di teatro canzone in cui si raccontano i vizi del popolo al quale entrambi appartengono in modo viscerale.
Autore della commedia è Gianfranco Gallo, che ha già scritto oltre 20 spettacoli teatrali ed è stato interprete di fortunate soap opera (veste i panni di Rocco Giordano in “Un posto al sole”) e di diverse pellicole che hanno ottenuto successo a livello nazionale tra cui “Fortapasc” e il più recente “Indivisibili”. Non è da meno il percorso artistico del fratello Massimiliano che ha collaborato al cinema, tra gli altri, con Edoardo De Angelis, Ferzan Ozpetek e Vincenzo Salemme, recitando inoltre in serie tv come “Il clan dei camorristi”, “I bastardi di Pizzofalcone” e “The Young Pope” di Paolo Sorrentino.
“La Cazzimma”, “La Bizzuocaria”, “La Vittimismeria”, “La Sfrantummazione”, “La Maschimeschinità”, “La Scassoneria”, “La Camorra”, Gallo battezza sette parole che nel suo stile caustico ed ironico accompagneranno gli spettatori in un viaggio unico in cui tradizione e modernità si fondono alla perfezione e che conduce dritto all’indole dei napoletani.
I testi sono molto forti e significativi costituiti da parti comiche ma anche da momenti di commozione e di gran suggestione nel segno della tipica scrittura di Gianfranco, autore ormai con una sua precisa poetica.
La partecipazione di Maurizio De Giovanni, l’autore de “I Bastardi di Pizzofalcone, de “Il Commissario Ricciardi” e di tantissimi altri successi editoriali e televisivi internazionali, rappresenta poi il valore aggiunto dello spettacolo. Lo scrittore è oggi il personaggio napoletano maggiormente riconosciuto come icona di una Napoli alternativa, migliore, in continuo cambiamento, celebrato ed amato su tutto il territorio nazionale coi suoi milioni di lettori. De Giovanni con la sua voce particolarissima ed i suoi occhi spiritati, leggerà brani scritti appositamente e giocherà con i Gallo in modo divertente e provocatorio. Sarà l’avvocato difensore per ognuno di essi. Ad accompagnare i Gallo, anche il chitarrista Antonio Maiello che con il suo strumento e la sua Loop Station fungerà da vera ed originale orchestra. Accanto una band di livello altissimo, musicisti già di Edoardo ed Eugenio Bennato, di Gragnaniello, Sastri e di tanti altri impegnati in “Torna Maggio”, “Assaie”, “Qualcosa arriverà”, Acqua ‘e rose” “Pace e Serenità” di Pino Daniele, “A cchiu’ bella cosa” di Totò. Su di uno schermo immagini e video rievocativi di grande interesse artistico.
INFO UTILI Lo spettacolo avrà inizio alle 21; il costo del biglietto è di 13 euro (comprensivi di prevendita). Per informazioni: Associazione Giffoni Teatro – tel. 339 4611502 – www.giffoniteatro.it –  e-mail: info@giffoniteatro.it; Botteghino del Teatro nei giorni di spettacolo ore 19.00 – 21,30.

TRE PECORE VIZIOSE AL GIARDINO

Mercoledì 23 agosto la Compagnia Giffoni Teatro

 

Giffoni Valle Piana, 21 agosto 2017.

Commedia dell’arte e humor napoletano. Prosegue così Giffoni Teatro, XX edizione dell’evento organizzato e promosso dall’associazione omonima presieduta da Mimma Cafaro, con il sostegno del Comune di Giffoni Valle Piana. A riscaldare la platea ci penserà la Compagnia Giffoni Teatro, protagonista, mercoledì 23 agosto, di “Tre pecore viziose”, il testo di Eduardo Scarpetta riadattato da Giacomo D’Agostino e Rosario Muro che ne cura anche la regia.
“Le pecore viziose” sono Fortunato, Camillo e Felice che, a dispetto della loro situazione familiare, se la spassano con tre giovani donne alle quali lasciano credere di avere serie intenzioni di sposarle. Ma dovranno fare i conti con Ciccillo (Antonino Muro) ex fidanzato di Giulietta e successivamente con Beatrice (Ornella Mele), figura imponente e autoritaria, moglie di Fortunato, zia di Felice, la quale tiene le redini di tutta la famiglia, essendo la ricca proprietaria che amministra tutte le sostanze di casa Precipizio.
Intrecci amorosi e gioco degli equivoci si mescolano per una trama spassosa ed intricata, ambientata nella Napoli di fine ottocento. Tra gli altri interpreti: Paola Mancino (Bettina), Enza Russomando (Concettella), Manuel Stabile (Enrico), Enrica Bovi (Virginia) e Andrea Iacuzzo (Carluccio). Le scene sono di Marcello Gallo, i costumi di Amalia Di Feo
INFO UTILI Lo spettacolo avrà inizio alle 21; Il costo del biglietto è di 8 euro (comprensivo di prevendita). Per informazioni: Associazione Giffoni Teatro – tel. 339 4611502 – www.giffoniteatro.it –  e-mail: info@giffoniteatro.it; Botteghino del Teatro nei giorni di spettacolo ore 19.00 – 21,30.

DEBORA CAPRIOGLIO SUL PALCO DI GIFFONI LUNEDÌ 21 SARÀ BRUNA IN “CALLAS D’INCANTO” L’opera di Roberto D’Alessandro ripercorre la storia pubblica e privata della divina

Giffoni Valle Piana, 19 agosto 2017 Un omaggio ad una grande donna e ad una grande artista. Giffoni Teatro, XX edizione dell’evento organizzato e promosso dall’associazione omonima presieduta da Mimma Cafaro, con il sostegno del Comune di Giffoni Valle Piana, prosegue lunedì 21 agosto, con Debora Caprioglio in “Callas d’incanto”. L’attrice, sul palco del Giardino, sarà Bruna, la fedele governante della “divina”, al suo servizio per oltre 20 anni e quindi sua memoria storica.
Lei è stata l’ombra della Callas e come una Vestale, ne custodisce la memoria, i ricordi, l’idea di una donna che ha rappresentato tutta la sua esistenza, per la quale la sua vita ha avuto ed ha ancora una ragione che va al di là del semplice esistere.
Bruna rappresenta la semplicità, la quotidianità, quella contingenza davanti alla quale non è possibile valutare il genio, del quale tuttavia si avverte la statura, del quale si venera l’immensità di pensiero, la vastità delle imprese.
Così ascoltiamo la storia che ci racconta e ci troviamo al suo fianco a spiare come con vergogna i palpiti di quel cuore, la sua felicità, il suo tormento, tutta la tristezza del mondo.
L’opera, scritta e diretta da Roberto D’Alessandro, si pone quasi come un romanzo attraverso il quale è possibile ripercorrere la storia della Callas, la sua vita, il suo privato.
La sua statura artistica ha diviso il mondo dell’opera in prima e dopo la Callas. La sua capacità di interpretazione ha strappato la scena operistica all’affettazione dei gorgheggi fini a se stessi, ed è riuscita a dare un armonia ai personaggi del melodramma, mostrando sui palcoscenici di tutto il mondo un anima in una voce. Ma qui la Callas non è una voce in una donna, bensì una donna con una voce. E Bruna la racconta con fervore e passione quasi religiosa, soffermandosi maggiormente sul tormento della sua anima.
Ma ci sarà spazio anche per ripercorrere la sua grande storia d’amore, dopo l’incontro con Aristotele Onassis. La loro relazione, ed il triste epilogo concorrono ancora di più a dare alla vicenda una sacralità mitica che pare sussurrarci a tutti come la felicità non è di questa terra se due dei come loro non hanno potuto essere felici.
Bruna durante tutto lo spettacolo attende il ritorno della sua Madame. L’aspetterà per sempre, perché si sente come la tessera di un puzzle che completa un mosaico. Alla fine il desiderio di vedere entrare Maria Callas si fa irresistibile: “Madame – cioè la signora Callas non c’è, sta per arrivare.” E invece la divina non può entrare. Il suo corpo non è più tra noi anche se lei è ancora in mezzo a noi come un idea, una legenda, un mito…per una serata d’incanto.
INFO UTILI Lo spettacolo avrà inizio alle 21; Il costo del biglietto è di 13 euro (comprensivo di prevendita). Per informazioni: Associazione Giffoni Teatro – tel. 339 4611502www.giffoniteatro.it –  e-mail: info@giffoniteatro.it; Botteghino del Teatro nei giorni di spettacolo ore 19.00 – 21,30.

TEATRORAGAZZI AL GIARDINO DOMENICA 20 IN SCENA 23 GIOVANI DI ASSOTEATRO IN Alice nel paese delle meraviglie per la regia di Cesaro

Giffoni Valle Piana, 18 agosto 2017.

Da sempre attenta alle nuove leve del palcoscenico, al sogno e alle aspirazioni di questi giovani, anche quest’anno Giffoni Teatro, XX edizione dell’evento organizzato e promosso dall’associazione omonima presieduta da Mimma Cafaro, con il sostegno del Comune di Giffoni Valle Piana, apre una parentesi sul TeatroRagazzi.
L’unico appuntamento è fissato per domenica 20 agosto quando il Giardino degli Aranci si trasformerà nel fantastico mondo di “Alice nel paese delle meraviglie”: sul palco 23 giovani (tra i sei e quattordici anni) di AssoTeatro in una messa in scena spettacolare per la regia di Vito Cesaro, che va oltre il musical.
Lewis Carroll, nome d’arte di Charles Lutwidge Dodgson (1832-1898), reverendo e matematico inglese, scrive Le avventure di Alice nel Paese delle meraviglie nel 1865. Secondo la tradizione, la storia sarebbe stata inventata da Carroll durante una gita in barca con un altro religioso e tre bambine, le sorelle Liddell; Alice, che all’epoca era ancora piccola, secondo molti critici sarebbe l’ispiratrice del personaggio centrale del racconto.
La complessità del testo originale, ricco di giochi di parole, filastrocche, poemetti e riferimenti letterari mascherati e difficilmente traducibili letteralmente in un’altra lingua, ne fa un libro per l’infanzia assai particolare e aperto a molte possibilità di lettura diverse. In questa messa in scena Cesaro ha tenuto conto dei trucchi, delle scene e delle musiche originali del film di Tim Burton, ma ha pensato anche di “condire” il tutto con una contaminazione anni ’70 tutta da scoprire e l’inserimento delle canzoni degli Abba.
INFO UTILI Lo spettacolo avrà inizio alle 21; L’ingresso è gratuito con prenotazione. Per informazioni: Associazione Giffoni Teatro – tel. 339 4611502 – www.giffoniteatro.it –  info@giffoniteatro.it; Botteghino del Teatro nei giorni di spettacolo ore 19.00 – 21,30.

MERCOLEDÌ 16 AGOSTO TOCCA ALLA COMPAGNIA BATTIPAGLIESE FUORI DALLE QUINTE IN “E A MME, ME DANNO A’ PENSIONE”

Giffoni Valle Piana, 13 agosto 2017.

Continua ad essere la risata il filo conduttore di Giffoni Teatro, XX edizione dell’evento organizzato e promosso dall’associazione omonima presieduta da Mimma Cafaro, con il sostegno del Comune di Giffoni Valle Piana.
Mercoledì 16 agosto momenti di pura comicità e sagaci battute cabarettistiche con la Compagnia Fuori dalle Quinte in “E a mme, me danno a’ pensione – ovvero Tonino Cardamone giovane in pensione”, una farsa che attinge dalla vita reale.
La comicità irriverente dell’autore, Paolo Caiazzo, è l’elemento principale di questa commedia, rappresentata magistralmente dalla compagnia teatrale battipagliese che conta nel suo organico ottimi e giovani interpreti che coinvolgeranno il pubblico in un vortice d’ilarità. La regia è di Eduardo Di Lorenzo.
LA STORIA “E a mme, me danno ‘a pensione!” Questo è il pensiero che più di una volta attanaglia la mente di Nicolino Esposito, giovane trentenne precocemente pensionato per disturbi mentali, disturbi che con la sua saggezza, lo aiutano ad analizzare il mondo che lo circonda con estrema lucidità. Ma è matto per davvero o è tutta una finzione per intascare l’assegno a fine mese? In fondo potrebbe darsi che l’unico veramente “lucido” in casa Esposito (con una sorella zitella e tirchia innamorata di un amico di famiglia disoccupato, un cugino convivente sfrattato dalla moglie che si crede il nuovo Zeffirelli, una vicina di casa ambigua e seducente, la domanda sorge spontanea) sia proprio lui. Sarà un controllo di un ispettore dell’Inps a guastare “l’armonia” familiare, innescando uno spettacolo dentro lo spettacolo che alla fine servirà solo ad aumentare la confusione in casa.
Il finale che non ci si aspetta svelerà i retroscena di questa convulsa e divertente vicenda abilmente interpretata oltre che da Di Lorenzo anche da Danilo Candela (Gennaro Che Guevara), Giovanna Trotta (Maria/Karina), Massimiliano Conte (Pasquale/aiutante cuoco), Annamaria Milito (Olga), Bartolomeo Volzone (cuoco giapponese/ispettore Frungillo), Luca Landi (Vaniglia/ispettore Cacace).
INFO UTILI Lo spettacolo avrà inizio alle 21; L’ingresso è gratuito con prenotazione. Per informazioni: Associazione Giffoni Teatro – tel. 339 4611502 – www.giffoniteatro.it –  e-mail: info@giffoniteatro.it; Botteghino del Teatro nei giorni di spettacolo ore 19.00 – 21,30.

L’ingresso è gratuito con prenotazione.

TEATRO NAPOLETANO VENERDÌ 11 AGOSTO AL GIARDINO LA COMPAGNIA TANDEM CON LA COMMEDIA INTELLIGENTE “CE PENZA MAMMÀ”

Giffoni Valle Piana, 9 agosto 2017.

Teatro sì ma napoletano, quello in cui il riso si mescola con il pianto, e vanno in scena emozioni che saziano l’anima. Venerdì 11 agosto Giffoni Teatro, XX edizione dell’evento organizzato e promosso dall’associazione omonima presieduta da Mimma Cafaro, con il sostegno del Comune di Giffoni Valle Piana, prosegue ospitando al Giardino degli Aranci la Compagnia Tandem in “Ce penza mammà”, la commedia intelligente (per la regia di Ciro Rusticale) scritta a quattro mani da Gaetano e Olimpia Di Maio, pronta a far ridere e sorridere lo spettatore con una trama articolata dove non si riesce a fare a meno di affezionarsi ai personaggi.
Un lavoro teatrale in cui sono presenti tutti gli ingredienti della vera commedia tradizionale nel senso più nobile della parola. I momenti grotteschi e comici si alternano a fasi talvolta commoventi regalando allo spettatore, a spettacolo concluso, la leggerezza di una piacevole serata così come solo il buon teatro sa dare.
LA STORIA Una mamma muore in giovanissima età e lascia quattro figli i quali, per volere della stessa, vivono tutti nella casa materna, da lei lasciata in proprietà. Anche da morta la presenza della madre in casa è costante anche nel continuare a dare ai propri figli direttive, consigli e addirittura ordini. Tutto ciò provoca piccoli ed esilaranti litigi e disagi in famiglia.
INFO UTILI Lo spettacolo avrà inizio alle 21; il costo del biglietto è di 8 euro (comprensivi di prevendita). Per informazioni: Associazione Giffoni Teatro – tel. 339 4611502 – www.giffoniteatro.it –  e-mail: info@giffoniteatro.it; Botteghino del Teatro nei giorni di spettacolo ore 19.00 – 21,30.

TEATRO CLASSICO AL GIARDINO DEGLI ARANCI MERCOLEDÌ 9 AGOSTO L’ANTIGONE DI BARBARA BOVOLI E ANTONIO SALINES

In scena anche Maria Laura Caselli, Michele Enrico Montesano, Tonino Tosto, Geremia Longobardo, i ragazzi del progetto Pietre Miliari, con la partecipazione di Giovanni De Feo.

Giffoni Valle Piana, 7 agosto 2017.

Una parentesi di teatro classico in cui campeggerà il genio e la creatività di Sofocle. Giffoni Teatro, XX edizione dell’evento organizzato e promosso dall’associazione omonima presieduta da Mimma Cafaro, con il sostegno del Comune di Giffoni Valle Piana, prosegue mercoledì 9 al Giardino degli Aranci con Antonio Salines e Barbara Bovoli in “L’Antigone”, una nuova traduzione del testo dell’autore, integrale in tutte le sue parti, nel quale si inseriscono anche due brani tratti dall’Edipo a Colono dello stesso Sofocle. Uno spettacolo tutto da ammirare, in cui la pregevole e chiara traduzione di Roberto Lerici riesce a fondere magistralmente lirismo ed epicità che la regia di Livio Galassi asseconda. Le musiche originali di Luciano Francisci aggiungono la loro sonora emozione.

L’inconciliabile dualismo tra legge dello stato e legge umana, tra giustizia ritenuta ingiusta e pietà ritenuta colpevole, si ripropone irrisolto e ancora attuale dopo oltre duemila e quattrocento anni, interessando e coinvolgendo filosofi, politici, poeti e drammaturghi, nello scorrere dei secoli, stimolando le interpretazioni registiche più esaltate e velleitarie, capaci di relegare Sofocle a mero pretesto. Preziosa delle più sensibili sfumature esistenziali la presenza di Antonio Salines, un interprete nel pieno della sua maturità artistica. Allo stesso modo insostituibile la figura di Barbara Bovoli che nel ruolo di Antigone addolcisce la sua caparbia e sprezzante fierezza.

In scena anche Maria Laura Caselli, Michele Enrico Montesano, Tonino Tosto, Geremia Longobardo e i ragazzi del progetto Pietre Miliari, con la partecipazione di Giovanni De Feo.

INFO UTILI Lo spettacolo avrà inizio alle 21; il costo del biglietto è di 13 euro (comprensivi di prevendita). Per informazioni: Associazione Giffoni Teatro – tel. 339 4611502 – www.giffoniteatro.it –  e-mail: info@giffoniteatro.it; Botteghino del Teatro nei giorni di spettacolo ore 19.00 – 21,30.